Skin ADV

Meledrio, lavori per la messa in sicurezza del ponte

lun 25 gen 2021 15:01 • Dalla redazione

L’intervento di somma urgenza sulla ss 239 si è reso necessario a seguito del maltempo di agosto

Ha il valore di 119.989,83 euro la perizia dei lavori di somma urgenza approvata dal Servizio gestione strade per la messa in sicurezza della strada statale 239, in corrispondenza dell'attraversamento del torrente Meledrio al chilometro 10,8 nel Comune di Dimaro Folagrida. Sul tratto di strada è stata accertata una situazione di grave pericolo dovuta alle abbondanti precipitazioni atmosferiche avvenute nei giorni 29 e 30 agosto 2020: il notevole e repentino incremento di portata nel torrente Meledrio ha generato degli importanti fenomeni erosivi all’interno del ponte provocando gravi danni strutturali all’attraversamento.

Considerata l’importanza della strada, che rappresenta l’unica via di collegamento tra Dimaro, in Val di Sole, e Madonna di Campiglio, in Val Rendena, la Provincia ha ritenuto di provvedere con urgenza alla messa in sicurezza del tratto stradale. Il 21 gennaio quindi i tecnici del Servizio gestione strade hanno elaborato una perizia di somma urgenza individuando anche i lavori da effettuare, tra i quali: lo scavo di sbancamento in prossimità dell’imbocco dell’attraversamento al fine di creare un tratto di raccordo tra l’alveo naturale a monte e il manufatto interrato, la demolizione della porzione di manufatto con strutture portanti compromesse, il rifacimento di una porzione di attraversamento demolito, il rifacimento e consolidamento delle porzioni di manufatto deteriorate e la realizzazione del tratto di transizione tra la struttura esistente e la parte nuova prefabbricata, la realizzazione di scogliere cementate di arginatura con selciatone in pietrame cementato di fondo per un tratto di idonea lunghezza in prossimità dell’imbocco di valle e di monte dell’attraversamento, il consolidamento dell’arco in pietra a valle dell’attraversamento e del muro andatore di sottoscarpa in pietra, la pulizia e rimozione della vegetazione del versante soprastante il muro andatore di sottoscarpa a valle, la realizzazione di un cordolo in cemento armato in testa al muro andatore di sottoscarpa con la funzione di conferire un adeguato grado di collegamento tra tutta la sommità della struttura di sostegno e il manufatto di attraversamento ad arco, la riprofilatura del versante a valle del muro andatore di sottoscarpa mediante riporto di materiale in prossimità della base della muratura con il fine di stabilizzare e rendere più efficiente dal punto di vista geotecnico la zona d’iterazione tra la struttura di sostegno e il pendio sottostante, la rimodellazione e sistemazione del materiale in prossimità dell’ imbocco a monte e la realizzazione di una staccionata in legno di larice a protezione della sommità delle scogliere cementate di monte e a protezione del muro andatore di sottoscarpa a valle.

Living Immobiliare

Vista l’urgenza i lavori sono stati affidati il 22 ottobre scorso all’impresa Pedergnana Claudio, di Ortisé a Mezzana. 



Riproduzione riservata ©

indietro