Skin ADV

Sgarbi a Castel Caldes: i numeri della mostra

mar 09 feb 2021 09:02 • Dalla redazione

L'assessore provinciale Mirko Bisesti risponde all'interrogazione presentata dal consigliere provinciale Pd Alessio Manica

I numeri della mostra Cavallini-Sgarbi a Castel Caldes: una parola definitiva sui numeri fatti dall’esposizione arrivano dall’assessore provinciale alla cultura Mirko Bisesti, sul punto stimolato da una interrogazione proposta dal consigliere provinciale del Pd, Alessio Manica. Nella risposta, datata 8 febbraio 2021, l’assessore Bisesti fissa il costo della mostra “Da Niccolò dell’Arca a Francesco Hayez”, aperta a Castel Caldes da 6 giugno 2019 al 6 gennaio 2020, secondo i dati forniti a consuntivo dall’Apt Val di Sole, in 186.394,71 euro.

Il contributo erogato dalla Provincia autonoma di Trento, a carico del Fondo per lo sviluppo dell’economia trentina-sezione marketing ammonta 40.

Living Immobiliare

542,35 euro, con il disavanzo coperto dall’Apt Val di Sole.

Sul fronte del numero dei visitatori, il totale si attesta a 16.231.

In particolare, il numero totale dei visitatori paganti per la mostra Cavallini-Sgarbi (interi, ridotti, visite guidate, agevolazioni) è pari a 12.999, mentre 2232 sono i visitatori con eventi speciali a invito, visita parziale prevista nel programma del Trenino dei Castelli, biglietti 5 sedi della rete del castello del Buonconsiglio. L’incasso relativo ai biglietti e ai ricavi del Bookshop è pari a 86.310 euro, cui si aggiungono 10.

A Castel Caldes, Franco Panizza, Luciano Rizzi e Vittorio Sgarbi

000 euro del Comune di Caldes e 9.000 euro messi a disposizione degli sponsor.

Infine, conclude Bisesti, “il numero totale di visitatori di Castel Caldes nel periodo giugno 2018 – gennaio 2019 è stato pari a 16.101 visitatori, tutti con ingresso gratuito. Va pertanto evidenziato che, anche se il valore assoluto risulta pressoché uguale, si tratta, relativamente all’esposizione oggetto dell’interrogazione, di visitatori paganti che hanno ‘scelto’ di recarsi a Castel Caldes appositamente per la mostra”.

 



Riproduzione riservata ©

indietro