Skin ADV

Zanotelli incontra Coldiretti

mar 16 feb 2021 16:02 • Dalla redazione

Tra le questioni, la gestione dei grandi carnivori e la salvaguardia delle aziende agricole

Monitoraggio e gestione dei grandi carnivori e della fauna selvatica nella nostra Provincia. Questo uno dei principali temi trattati nell'incontro che si è tenuto oggi presso la sede di Coldiretti Trentino Alto Adige. Presenti, oltre al presidente Gianluca Barbacovi e al direttore Enzo Bottos, anche l'Assessore provinciale all'agricoltura, foreste, caccia e pesca Giulia Zanotelli e il Dirigente del Servizio Foreste e del Servizio faunistico Giovanni Giovannini.

Living Immobiliare

 E' stato fatto il punto sull'attuale situazione delle popolazione dei grandi carnivori a livello provinciale con particolare riferimento ad orso e lupo ed agli strumenti messi in campo per il loro monitoraggio e gestione partendo dalle attività preventive introdotte e incentivate dall'amministrazione provinciale.

"Si tratta di attività dedicate in particolare alla tutela delle aziende zootecniche, i  gestori di alpeggi, gli apicoltori" sottolinea il presidente di Coldiretti Barbacovi che si è detto soddisfatto dell'incontro e chiede di essere immediatamente operativi nel salvaguardare le aziende da una problematica che si fa sempre più importante.

Si è parlato anche della gestione degli indennizzi per le aziende stesse, con la proposta di attività di informazione mirata, precisa e semplice, utile per chi opera nei settori maggiormente esposti (zootecnici, apicoltori, gestori di alpeggi).

Si è approfondito il tema riguardante la presenza di  altre importanti specie della fauna selvatica fra cui il cinghiale (si auspicano interventi di potenziamento del piano di controllo della specie), cormorani e nutrie.  "Ringraziamo l'assessore Zanotelli per la disponibilità e come Coldiretti chiediamo una soluzione efficace per un problema che denunciamo da tempo: dobbiamo tutelare chi dovrebbe lavorare per gestire un alpeggio o una stalla e si ritrova a doversi difendere da attacchi sempre più frequenti. Servono adeguate attività d'informazione puntuale per gli imprenditori agricoli relativamente alla gestione della fauna selvatica, anche in riferimento alla richiesta danni per gli indennizzi. Tuttavia, più che indennizzi, noi abbiamo chiesto interventi concreti di contenimento dei danni.  Anche le nuove tecnologie possono dare una mano in tal senso. Dobbiamo finalizzare bene il Piano di gestione e monitoraggio della fauna. Attendiamo infine il voto di fiducia al nuovo Governo per iniziare subito un'interlocuzione con il nuovo Ministro che avrà competenza in materia. Da parte nostra, come sempre, massima disponibilità a collaborare e fare la nostra parte" conclude Barbacovi. 



Riproduzione riservata ©

indietro