Skin ADV

Cles, tempo di opere e di attenzione alle relazioni sociali (6)

dom 04 apr 2021 13:04 • By: Federica Chini

A poco più di sei mesi dalle elezioni comunali, NOS Magazine intraprende un viaggio tra i comuni delle valli del Noce, ascoltando le voci dell’amministrazione e, dove presente, della minoranza. Stavolta andiamo a Cles

CLES. La ripresa delle progettazioni già iniziate durante la precedente legislatura e l'avvio di altre molto significative hanno caratterizzato il primo semestre dell'amministrazione comunale targata Ruggero Mucchi bis, con nuove entrate sia nei ranghi della maggioranza che dell'opposizione. Alcune questioni, quali l'attesissima tangenziale est (per la quale parte ora la progettazione esecutiva) e l'adeguamento dell'Ospedale Valli del Noce sono di importanza epocale per il futuro non solo per il capoluogo di valle, ma complessivamente anche per il territorio locale.

Collaborazione, dialogo, controllo e atteggiamento propositivo nell'affrontare le questioni sono le parole chiave alla base dell'azione del gruppo di minoranza capeggiato dalla leader della minoranza Carmen Noldin.

Qual è il punto della situazione a 6 mesi dalle elezioni amministrative?

Mucchi. Una situazione certamente all'insegna del Covid-19, che ha fatto sentire il suo peso a livello di relazioni nel nuovo consiglio comunale. È vero che molti di noi sono stati riconfermati, anche nel gruppo di minoranza, tuttavia occorre costruire un affiatamento con le nuove entrate. Con ciò intendo dire che è molto meglio incontrarsi di persona, sia in giunta che in consiglio comunale, anziché ricorrere alle videoconferenze. Al momento siamo un insieme di singoli più che un gruppo, e su questo avremo modo di rimediare, confidando che l'emergenza vada finalmente riducendosi.

Noldin. Un periodo che passerà alla storia perché caratterizzato dal persistere della pandemia di Covid-19. Da parte nostra, abbiamo contribuito ad appoggiare le misure economiche, messe in campo grazie a un avanzo di amministrazione del bilancio, a sostegno alle categorie economiche e sociali in difficoltà, strategie approvate all'unanimità. Riteniamo che il ruolo della minoranza sia fondamentale, funzionale al contraddittorio civile. In consiglio comunale il clima è molto positivo grazie alla convergenza di vedute con la maggioranza su temi e opere strategiche per il futuro della borgata tra i quali la circonvallazione est, l'importanza dell'agricoltura, del turismo e dell'ambiente montano, nonché ai progetti sociali e culturali, promotori di legami e relazioni.

Sindaco, qual è il suo giudizio sulla minoranza?

Mucchi. A causa dell'emergenza sanitaria i rapporti sono più complessi e freddi in tal senso, a causa del perdurante distanziamento. Direi a tal proposito che è stata una partenza con il freno a mano tirato con l'opposizione, nonostante la proficua collaborazione già in essere dalla precedente legislatura e dalla stima reciproca. L'obiettivo è riprendere tali rapporti, stretti e inusuali rispetto ad altri scenari altrove. L'esperienza di consiglieri provenienti dallo scorso quinquennio e precedenti, innestata al contributo di giovani preparati quali Claudio Taller (presidente del consiglio comunale) e Camilla Chini, ha già dato i suoi frutti. C'è molta sintonia con noi sugli interessi e sul futuro della nostra comunità; detto questo, siamo consapevoli che l'opposizione svolgerà il suo compito in quanto tale.

Noldin, un giudizio sull'amministrazione comunale?

Noldin. È trascorso un periodo relativamente breve per dare delle valutazioni: ogni attività comporta un lungo lavoro di analisi per definirne gli effetti, tuttavia posso sicuramente affermare che tra le parti è in corso un dialogo sereno. Molte delle nostre proposte sono state accolte favorevolmente e l'interazione è intensa, avendo entrambe le fazioni in primo piano il benessere del paese.

I primi obiettivi raggiunti?

Mucchi. La ripresa di interventi e l'assegnazione di appalti rimasti in sospeso causa Covid quali il concorso di progettazione per il parcheggio multipiano in Viale Degasperi in prossimità dell'ospedale: in questi giorni si saprà la composizione dell'équipe di tecnici, dopo di che si definiranno i finanziamenti, anche a livello provinciale.

Living Immobiliare

Lo scorso 7 gennaio abbiamo consegnato la nuova sala ginnica all'istituto comprensivo “Clesio”, che a breve sarà corredato di un parco scolastico previa demolizione di un adiacente vecchio edificio. Per quanto riguarda il Centro per il Tempo Libero, è stato assegnato l'appalto per la posa del campo in erba sintetica e la ristrutturazione del velodromo. Molti sono stati gli interventi minori ma comunque importanti per la quotidianità della cittadinanza, come l'istituzione di un accesso in sicurezza, con l'allargamento di una strada agricola, al lago di Santa Giustina per i mezzi di soccorso dei vigili del fuoco grazie all'impegno dell'assessore ai lavori pubblici Aldo Dalpiaz e alla disponibilità di un privato.

In qualità di primo cittadino mi sono occupato direttamente di alcune questioni corpose, in particolare dell'agognata tangenziale est, di cui proprio in questi giorni la Conferenza dei servizi ha stabilito definitivamente tempi e modi di azione a riguardo. Altro tema caldissimo è la riapertura del Day Hospital oncologico dell'ospedale – sospeso durante la seconda ondata della pandemia, scatenando l'indignazione e la protesta degli amministratori locali e della popolazione – e l'adeguamento dello stesso nosocomio. Dalla Provincia ci sono arrivati segnali incoraggianti, a livello di progettazione futura; abbiamo fatto capire quanto l'ospedale sia prezioso per le nostre valli, dato il suo bacino d'utenza che conta svariate migliaia di persone.

Altro problema spinoso è rappresentato dalla tubatura dell'acqua potabile che alimenta l'acquedotto della borgata, proveniente da Croviana e risalente agli anni Settanta, che attualmente versa in condizioni precarie. Ci siamo mossi consultando l'assessore provinciale Giulia Zanotelli, in quanto si tratta di un'infrastruttura delicata il cui rifacimento, dai costi consistentissimi, abbisogna di un finanziamento a livello statale oltre che provinciale.

Abbiamo inoltre interagito con le amministrazioni comunali di Ville d'Anaunia e di Malé, con cui condividiamo dinamiche e progettualità, la prima come municipalità confinante, la seconda come capoluogo della Val di Sole. Sono inoltre ripresi i concorsi per l'assunzione di nuovo personale. A breve saranno inoltre sostituiti il comandante e il vice della Polizia locale d'Anaunia, con specifici concorsi: intendiamo comunque valorizzare gli agenti in servizio nel corpo. Un risultato certamente positivo è stata l'approvazione a tempo di record a gennaio del bilancio triennale, possibile grazie al lavoro degli uffici competenti, che mi sento di ringraziare molto.

Noldin. L'adozione di strumenti a supporto della popolazione e delle aziende colpite dalla pandemia è stata un'attività determinante. Quanto a noi, ci siamo impegnati per sottoporre all'attenzione del consiglio questioni e istanze e attraverso interrogazioni mozioni e interpellanze, spesso largamente apprezzate. A proposito delle interrogazioni, riteniamo che esse non siano un mezzo puramente di critica, ma uno stimolo per l'amministrazione a fare sempre meglio. Tra i compiti dell'opposizione, gioca un ruolo notevole il prestare ascolto a esigenze e suggerimenti provenienti dalla popolazione. Nello specifico, abbiamo presentato interpellanze riguardanti la gestione delle abbondanti nevicate dello scorso inverno (smaltimento della neve dalle vie e dai marciapiedi), sull'aggiornamento del sito web del Comune e sull'adozione di un adeguato linguaggio per favorire un cambiamento culturale in materia di parità di genere. Quest'ultima sarà modificata in mozione, che speriamo possa essere votata favorevolmente all'unanimità in consiglio. Il nostro è un Comune coraggioso, che non perderà l'occasione di promuovere un cambiamento di mentalità in tal senso. Sullo stesso versante, abbiamo prospettato delle significative riflessioni sulla violenza contro le donne in occasione del 25 novembre e dell'8 marzo e proposto una mozione a favore della cittadinanza italiana a Patrick Zaki, ricercatore dell'ateneo bolognese incarcerato ingiustamente e arbitrariamente da un anno in Egitto.

-

In materia di opere pubbliche, abbiamo chiesto lumi relativamente al passaggio a livello di Maiano, le sue criticità e le misure con cui l'amministrazione intende affrontare il problema nonché sui rapporti con Trentino Trasporti. Argomenti eterogenei che spaziano da piccole cose del quotidiano fino a temi di grande valore civile; devo dire che sono molto soddisfatta dei confronti tenutisi finora tra maggioranza ed opposizione in occasione dei consigli comunali.

Prossimi obiettivi?

Mucchi. Diverse sono le opere in ballo, nella fattispecie la pista ciclopedonale tra Mostizzolo e Cles – la Comunità di valle ha individuato il tecnico progettista –, la riqualificazione del viale al Doss di Pez e del centro pedonale di Cles, un progetto che compenetra aspetti tecnici e architettonici con quelli umanistici: è infatti coinvolta l'assessora Cristina Marchesotti in un'iniziativa partecipata, che coinvolge vari attori oltre ai residenti e agli esercenti del centro storico. Saranno interpellati a tal proposito uno psicologo, i giovani e gli anziani, per definire un luogo che sia davvero il cuore della comunità, che interseca i segni storici con le prospettive future. Tra i nostri piani rientra anche l'assegnazione di spazi per le prove musicali e teatrali nell'edificio “Don Orione”: abbiamo affidato uno studio di fattibilità per l'ampliamento del complesso, per istituire una casa per la musica e il teatro clesiano. Sul versante dell'urbanistica, entro fine mandato dovremmo decidere su un'eventuale variante al Piano regolatore generale, un piano di prospettiva da lasciare ai posteri incentrato sulla rigenerazione urbana e la riqualificazione dell'abitato. In grande fermento sono anche i settori della cultura e delle politiche sociali, nonostante siano molto inibiti dall'emergenza sanitaria. Due sono le mostre in programma a Palazzo assessorile per l'anno in corso, delle quali si stanno occupando un team di collaboratori esterni giovani e competenti nel campo dei beni culturali.

Noldin: Ci aspettiamo che quanto promesso dalla maggioranza nel programma elettorale venga effettivamente messo in pratica, in particolare le progettualità ad hoc in materia di politiche sociali per i giovani e gli anziani, mai così impellenti come in questo difficile contesto. Saranno mesi cruciali per le opere strategiche, prima fra tutte la tangenziale est. Si dovrà inoltre lavorare molto su agricoltura, turismo, montagna. Il mio motto, che rispecchia la mia visione della politica, è una massima del presidente americano John Fitzgerald Kennedy, “non chiederti cosa può fare il tuo Paese per te, chiediti che cosa puoi fare tu per il tuo Paese”.

Le priorità attuali?

Mucchi. La tangenziale e l'adeguamento dell'ospedale sono determinanti, ma per il momento dobbiamo chiudere quanto prima la questione del parcheggio multipiano di Viale Degasperi, stabilendo i finanziamenti e concretizzando l'opera entro l'anno prossimo.

Noldin. Uscire dallo stallo provocato dall'emergenza sanitaria, accompagnando la cittadinanza, le aziende e il tessuto sociale con progettualità efficaci, contrastando anche le situazioni di disagio e solitudine che questa sfiancante pandemia ha acuito. E inoltre ripristinare reti, relazioni e sinergie tra gli attori economici e sociali e ciò che è stato costruito di buono in passato, eventualmente migliorando dove è possibile. In tal modo si ricostruisce il benessere a tutto tondo, che va di pari passo con una programmazione lungimirante per il futuro. 



Riproduzione riservata ©

indietro