Skin ADV

Rotian, nessun colpevole

gio 13 mag 2021 12:05 • Dalla redazione

Archiviato il procedimento definitivamente per Lazzaroni, Coali, Franceschi e De Vigli

DIMARO FOLGARIDA. Una tragedia imprevista e imprevedibile. Non ci sono responsabilità penali per la morte di Michela Ramponi, rimasta uccisa dalla frana del rio Rotian della fine ottobre 2018. Il giudice ha disposto l’archiviazione del procedimento per l’ipotesi di omicidio colposo che aveva quattro indagati: il dirigente del Servizio Bacini Montani Roberto Coali, l’ingegner Silvia Franceschi (gruppo di lavoro a cui la Provincia ha affidato l’incarico di redigere uno studio sui rischi idraulici del corso d’acqua), l’ex dirigente della protezione civile Stefano De Vigili e il sindaco di Dimaro Folgarida Andrea Lazzaroni.

Living Immobiliare

Nel decreto di archiviazione il giudice scrive infatti che «da quanto è emerso dalle indagini e dalle risultanze dell’incidente probatorio non rende sostenibile l’accusa in giudizio».



Riproduzione riservata ©

indietro