Skin ADV

Terme di Rabbi, nonostante la pandemia il bilancio regge

gio 24 giu 2021 12:06 • Dalla redazione

Il documento segna il -53% per la parte sanitaria e il -12% per l’hotel

RABBI. Quello presentato all’assemblea dalla società Terme di Rabbi è un bilancio che sconta il difficile periodo pandemico, ma che tutto sommato regge bene il colpo riuscendo a chiudere anche in attivo.

“Quello che ci siamo messi alle spalle è un anno sicuramente particolare e difficile che ha modificato le nostre abitudini e dissolto molte di quelle che noi ritenevamo essere certezze – ha commentato il presidente Luciano Valorz nella relazione di bilancio -. Anche per le Terme di Rabbi è stato un anno molto difficile con una stagione breve, partita in ritardo e finita presto. L'abbiamo affrontata con umiltà e impegno nella consapevolezza che sarebbe stata comunque una stagione negativa, oggi l’archiviamo con la serenità di aver fatto il possibile per renderla meno pesante”. A subire di più, è stato il settore legato alla stabilimento termale dove i ricavi registrano una perdita rispetto all’anno precedente pari al -45% (235.000 euro). Il risultato è determinato anche dal netto calo dei ricavi ottenuti nell’ambito del servizio sanitario nazionale che segna il -53%.

Living Immobiliare

Più contenuta la flessione legata alla gestione del Grand Hotel Rabbi, che vede ricavi in calo del 12% (387.000 euro) a fronte di 6.090 presenze e con 25% in meno di giornate di apertura.

“Le previsioni fatte a inizio stagione sono state confermate anche dai numeri – ha aggiunto il presidente -. Il calo del fatturato e stato generalizzato ma assolutamente più marcato nel settore sanitario. Questa tendenza in atto già da diversi anni è stata accelerata in modo deciso dalla pandemia e probabilmente è una tendenza irreversibile. Le terme, quindi, hanno vissuto una stagione difficile come previsto anche se in maniera minore e un po’ attutita da ristori e da altri interventi provinciali. I dati dell'hotel sono invece nettamente migliori. Questo ci fa dire che la parte alberghiera è stata assolutamente in linea con l'andamento delle stagioni precedenti”. In generale, il bilancio vede ricavi complessivi per 768.198 euro, con costi della produzione pari a 768.255 euro, e chiude con un mini utile di esercizio pari a 289 euro. 

Su fronte degli investimenti, invece, la società è impegnata nel progetto di riqualificazione energetica delle strutture in modo da sfruttare gli incentivi statali. “In occasione di questa assemblea avremmo voluto mostrarvi il progetto ma purtroppo siamo ancora in una fase di definizione e chiaramente non è ancora stato approvato” ha spiegato Valorz. Il progetto, comunque, prevede la realizzazione del cappotto termico con la sostituzione di tutti gli infissi che sono più di 300, la costruzione di una terrazza esterna alle Terme sulla parte solatia e l’abbattimento dell'attuale terrazzo sull'ingresso dell'hotel con la costruzione di un nuovo ingresso che prevede anche l’innalzamento dell'infrastruttura per rendere possibile la copertura e l'accesso dal salone del primo piano dell'hotel.

 



Riproduzione riservata ©

indietro