Skin ADV

Torna sul tavolo il trampolino HS 66 di Pellizzano

mer 01 set 2021 17:09 • Dalla redazione

Si pensa a una variante di accesso al Lago dei Caprioli che bypassi il centro abitato

TRENTO. La Provincia è disponibile a ragionare sulla realizzazione del nuovo trampolino HS 66 al centro salto di Pellizzano. È quanto emerso dall’incontro tra il presidente della Provincia Maurizio Fugatti e gli amministratori di Pellizzano, la sindaca Francesca Tomaselli e il vicesindaco Ennio Pangrazzi, alla presenza del dirigente generale Sergio Bettotti (dipartimento artigianato, commercio, promozione, turismo e sport). Un’occasione proficua per discutere delle priorità per l’amministrazione locale e dei progetti a favore della crescita della comunità e del territorio dell’Alta val di Sole. Tra questi, un’importanza particolare a livello locale riguarda la proposta di sviluppo dell’area sportiva per il salto con gli sci legato non solo all’attuale trampolino HS 38 ma anche la realizzazione del trampolino HS 66, progetto finanziato e sostenuto dal Coni ma oggi fermo.

Living Immobiliare

Gli amministratori di Pellizzano hanno sottolineato come quest’ultima infrastruttura potrebbe permettere al territorio e ai giovani che praticano la disciplina di fare un “salto” di qualità e di proposta sportiva, consentendo di renderla ancora più radicata alla val di Sole.

Il presidente si è detto quindi disponibile ad approfondire le priorità evidenziate dagli amministratori locali, espressione degli interessi della comunità di riferimento. Il ragionamento sullo sviluppo dell’area sportiva proseguirà quindi con un focus sugli interventi, sia per garantire le migliori condizioni per il trampolino HS 38 che per avviare il percorso relativo al trampolino HS 66.

Un’altra priorità portata all’attenzione dall’amministrazione di Pellizzano è la viabilità di accesso al lago dei Caprioli, località di grande pregio paesaggistico che genera un forte richiamo turistico, con dei riflessi sul traffico per l’abitato di Pellizzano. Gli amministratori locali hanno evidenziato la proposta della variante per bypassare il centro abitato. Il ragionamento con l’amministrazione provinciale proseguirà nell’ambito delle opere prioritarie per l’intero ambito della val di Sole comunicate dal commissario della Comunità di valle d’intesa con tutti i Comuni.



Riproduzione riservata ©

indietro