Skin ADV

In Val di Non cantieri per 110 milioni di euro

ven 10 set 2021 18:09 • Dalla redazione

A Campodenno, incontro tra la Giunta provinciale e l’Amministrazione comunale

CAMPODENNO. Ammonta a 110 milioni di euro il valore delle opere in fase di realizzazione o per le quali saranno presto aperti nuovi cantieri in Val di Non. Un dato importante, fornito dal presidente della Provincia autonoma di Trento in occasione dell’incontro con il sindaco di Campodenno Daniele Biada e il suo esecutivo prima dell’inizio dei lavori della Giunta provinciale che quest’oggi si è tenuta nel municipio del borgo della Bassa Anaunia. Una realtà amministrativa che conta 7 paesi e che - per la sua posizione a metà strada tra valle e montagna - è stata interessata da un andamento demografico in controtendenza rispetto ad un generale spopolamento delle aree periferiche. Qui, infatti, negli ultimi 20 anni la popolazione è aumentata del 6 per cento.

Nel dare il benvenuto all’Amministrazione provinciale, il primo cittadino di Campodenno ha evidenziato come iniziative come quella delle sedute di Giunta sul territorio siano importanti per approfondire e ascoltare le esigenze delle comunità locali che, pur avendo molti tratti simili tra loro, si differenziano a seconda delle diverse specificità.

Living Immobiliare

All’interno della sala del Consiglio comunale, era presente una rappresentanza delle tante componenti istituzionali e associative del territorio, con i vertici delle 5 Asuc e della Pro Loco, oltre a carabinieri, vigili urbani, alpini e vigili del fuoco volontari.

Il sindaco ha ricordato l’importante ruolo delle associazioni di volontariato, delle Asuc che gestiscono il territorio montano e dei Consorzi di miglioramento fondiario, che rappresentano un supporto fondamentale nella gestione del territorio attraverso la cura delle strade comunali agricole, che raggiungono complessivamente una lunghezza pari a 100 chilometri. Il primo cittadino ha affrontato infine alcune problematiche che interessano la municipalità di Campodenno, a partire dalla carenza di personale dovuta all’esodo dei dipendenti verso enti più strutturati e alle difficoltà legate alla mancanza di medici di base, per i quali il Comune ha adeguato la struttura dell’ambulatorio di medicina generale.
Nel corso del suo intervento, il presidente della Provincia ha parlato dell’impegno dell’Amministrazione nel rispondere alle istanze dei territori. Ha fatto accenno ai lavori per la realizzazione di un marciapiede in paese a Campodenno per garantire la sicurezza dei pedoni e, ricordando la richiesta del Comune per la realizzazione di una palestra a servizio degli studenti della primaria, ha sottolineato come lo stanziamento di 25 milioni di euro dedicato all’edilizia scolastica attraverso l’ultimo assestamento di bilancio, potrà essere impiegato anche per interventi di questo tipo. Infine, sul fronte della carenza di sanitari, il presidente ha osservato come l’apertura della facoltà di medicina a Trento rappresenti una grande opportunità dai crescita, che guarda in particolare alle esigenze delle piccole realtà di valle.



Riproduzione riservata ©

indietro