Skin ADV

Un’aiuola della Pace in memoria di Chiara Lubich

sab 02 ott 2021 09:10 • Dalla redazione

Partecipato il simposio dedicato all’arte educativa della maestra

PELLIZZANO. Grande partecipazione e interesse per il simposio di studio di sabato 25 settembre su Chiara Lubich (Silvia) seguito in diretta da un folto pubblico nell’auditorium di Pellizzano e in streaming a Fucine, nell’aula magna della scuola media, e in varie parti dell’Italia e del mondo.

Tanti gli interventi che hanno offerto informazioni sull’arte pedagogica di Chiara e gli spunti di riflessione. Particolarmente toccanti le testimonianze di due ex alunne ormai ultranovantenni, Caterina e Dolores, che con grande lucidità e un filo di orgoglio e commozione hanno ricordato il loro “inverno meraviglioso” come hanno definito l’anno scolastico 1938-39, ricco degli insegnamenti di Chiara, del suo calore umano e della sua totale dedizione ai 43 alunni di Castello.

Living Immobiliare

Alle dirette testimonianze e alle riflessioni sulla profetica “arte educativa” di Chiara si sono aggiunti i racconti delle numerose iniziative sorte in varie parti del mondo, che riprendono gli insegnamenti e i valori della fondatrice dei Focolari.

Molto suggestiva e partecipata l’inaugurazione a Castello della piccola mostra a lei dedicata e ambientata nell’ex “casel” dove è stata ricostruita per l’occasione una semplice aula scolastica a ricordo di quella cha ha accolto la maestra Silvia nel lontano 1938.

Partecipata e toccante, con le riflessioni degli alunni di Castello di scuola elementare e media, l’inaugurazione della “aiuola della pace”, la posa di una targa ricordo e del gigantesco “dado della pace” diventato per tante scuole strumento di educazione per veicolare valori e messaggi importanti: iniziative semplici, ma molto simboliche che hanno visto il piccolo paese protagonista di un evento unico.

A Castello una giornata di festa, di cielo terso e di sole splendente, come splendenti erano gli occhi di Chiara, più volte ricordati con calore e commozione dalle sue ex alunne.



Riproduzione riservata ©

indietro