Skin ADV

Intervento notturno sul Vioz

ven 12 nov 2021 12:11 • Dalla redazione

Il Soccorso Alpino in aiuto di un escursionista veronese

Soccorritori sul Vioz

PEIO. Si è concluso intorno alle 1.30 di questa notte un intervento in aiuto di un escursionista di Bussolengo (VR) di 26 anni sul Monte Vioz (Val di Sole) a una quota di circa 3.200 m.s.l.m. Il ragazzo era partito con l’intento di raggiungere il locale invernale del Rifugio Vioz (3.500 m.s.l.m.) per trascorrervi la notte ma con il buio e la neve si è attardato sul sentiero. L’allarme è scattato intorno alle 22 da valle, quando alcune persone hanno notato delle luci persistenti in alta quota. 

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino occidentale del Soccorso Alpino e Speleologico ha inviato sul posto una squadra di tre operatori della Stazione di Pejo per controllare che non ci fossero persone in difficoltà.

Elektronemo

I gestori dell’impianto di risalita Pejo 3000, a cui va un sentito ringraziamento, hanno aperto la funivia, consentendo ai soccorritori di salire fino a quota 3.000 m.s.l.m. Da lì, si sono incamminati a piedi verso il rifugio Vioz fino a quando hanno trovato il ragazzo, che aveva intenzione di trascorrere la notte all’addiaccio, intorno alle 23.45 e a circa 3.200 m.s.l.m. L’escursionista è stato rifocillato con una bevanda calda, dopodiché è stato accompagnato a valle in sicurezza fino alla macchina. Per lui non è stato necessario alcun ricovero in ospedale. 

Il Soccorso Alpino e Speleologico Trentino raccomanda massima prudenza nel pianificare escursioni in quota, dove si trovano condizioni già tipicamente invernali con neve e ghiaccio. Le giornate si sono notevolmente accorciate; pertanto va prestata particolare attenzione alla programmazione degli orari di partenza e di rientro, considerando che i tempi di percorrenza possono allungarsi se sul sentiero si trova neve.  



Riproduzione riservata ©

indietro