Skin ADV

Masè: servono soluzioni per la viabilità dell’alta Val di Non

ven 17 dic 2021 15:12 • Dalla redazione

Approvato in sessione di bilancio un ordine del giorno della consigliera de La Civica

Vanessa Masè

TRENTO. Un impegno della giunta provinciale per uno studio di fattibilità relativo alla problematica della viabilità dell’Alta Val di Non e più precisamente per individuare ipotesi, in accordo con i sindaci, che consentano finalmente di risolvere i punti critici del tratto della SS 43 Dir. Dermulo – Fondo, la cui tortuosità del tracciato e il gravoso problema dell’attraversamento di diversi centri abitati sta determinando non poche complessità nella gestione del traffico. Lo chiede in occasione della discussione del bilancio provinciale, un ordine del giorno di Vanessa Masè, consigliere de La Civica, approvato dall’aula.

Elektrodemo

Con l’atto è stato formalizzato l’impegno della Giunta a voler procedere ad un riordino della viabilità di questo territorio, procedendo, insieme alle comunità interessate, con l’individuazione di priorità di intervento in relazione alla sicurezza e alla fluidità del traffico.

“Molte sono le realtà imprenditoriali della Val di Non che contribuiscono, da un lato, a mantenere vivo il tessuto economico di questo contesto tutt’altro che centrale rispetto alle direttrici ‘più comode’, ma che – dichiara Masè – determinano un traffico di mezzi pesanti non di poco conto rispetto ad una infrastruttura viaria non adeguata. Come più volte espresso in maniera assai compatta, dal Comitato per la viabilità e la vivibilità dell’Alta val di Non – si legge nella nota della consigliera - è necessario riuscire a mettere in campo uno studio di fattibilità tecnico-economica che analizzi i noti problematici della viabilità attuale e individui le opere prioritarie da realizzare, affinché possano trovare progressiva copertura finanziaria sul bilancio provinciale, compatibilmente con le disponibilità finanziarie”.  



Riproduzione riservata ©

indietro