Skin ADV

3Tre, spettacolo al cardiopalma

ven 24 dic 2021 21:12 • Dalla redazione

Grande successo per lo slalom notturno di Campiglio anche grazie al racconto televisivo

CAMPIGLIO. La 3Tre, lo slalom maschile in notturna più spettacolare del Circo bianco, non tradisce le attese e anche quest’anno ha regalato emozioni al cardiopalma fino all’ultima discesa, fino all’ultima porta. Un’edizione magica e incredibile quella che si è disputata mercoledì 22 dicembre grazie anche al ritorno del pubblico nel parterre che, sebbene contingentato a 3.000 biglietti (peraltro venduti in un battibaleno), ha potuto fare il tifo per i propri beniamini. In particolare, per la squadra azzurra che sul Canalone Miramonti ha saputo fare molto bene con Alex Vinatzer al quarto posto, Giuliano Razzoli al settimo e Simon Maurberger al decimo.

Gli atleti azzurri sono stati tra i protagonisti anche del BiB Draw, la cerimonia di sorteggio dei pettorali che si è tenuta la sera di martedì in piazza a Campiglio. Con l’amplificazione video e il service curati dall’agenzia di Cles Nitida Immagine, l’evento ha visto anche la presentazione del bellissimo libro “La Grande Storia della 3Tre” scritto dal fotografo e memoria storica di Campiglio Paolo Luconi Bisti ed edito da Giunti.

Living Immobiliare

Disponibile dal 5 gennaio, il libro è uno spaccato autentico del percorso non solo della Classica di Campiglio, ma del territorio a cui essa è indissolubilmente legata. 

Una classica che, come si diceva, si è giocata fino all’ultimo e che ha tenuto incollati davanti agli schermi della televisione i telespettatori di tutto il mondo grazie a una serie di colpi di scena, il più clamoroso dei quali lo sbaglio di Clement Noel che ha buttato via un successo netto all'ultima porta consegnando la vittoria a Sebastian Foss-Solevåg. A raccontare la gara e a regalare una visibilità mondiale ai loghi Madonna di Campiglio e Trentino con il solito piglio innovativo è stato il regista internazionale di casa (direttore di NOS Magazine) Sandro de Manincor, che ha coordinato la produzione televisiva di Infront Sport&Media che ha riscosso un grande successo e notevoli apprezzamenti da tutte le TV del mondo. Con una propensione all’innovazione, il TV director, che in passato ha sperimentato per la prima volta in assoluto il drone (quest’anno verrà riproposto aKitzbuhel) o il jimmy jib (braccio o crane) all’arrivo ripreso poi dalle TV austriache e svizzere, anche in questa edizione ha introdotto importanti novità. Particolarmente apprezzata è stata, ad esempio, la nova modalità di realizzate la POV (la camera installata sul casco dell’atleta per presentare il tracciato) che è stata eseguita da Giorgio Rocca, vincitore a Campiglio della 3Tre nel 2005, che con grande abilità ha inseguito un apripista (Giovanni Franzoni) regalando allo spettatore l’emozione di scendere e vivere quasi dal vivo la pista. 



Riproduzione riservata ©

indietro