Skin ADV

I 50 anni del secondo Statuto di Autonomia

mer 23 feb 2022 17:02 • Dalla redazione

Presentate le iniziative in programma nel corso del 2022

TRENTO. Un elaborato programma di ricerca e di studio per inquadrare la seconda Autonomia, le sue dinamiche, le sue criticità, le sue prospettive di sviluppo, allargato a livello nazionale ed europeo, con tappe a Roma, Vienna, Bruxelles. Sono le iniziative che per tutto il 2022 racconteranno i cinquant'anni del secondo Statuto di Autonomia e presentate oggi a San Michele all'Adige, all'Auditorium della Fondazione Edmund Mach.

"Autonomia è storia. Autonomia è tradizione. Autonomia è consapevolezza di cosa significhi essere autonomi. Un sentimento, questo che affonda le radici nei secoli scorsi, perché il nostro territorio aveva ben presenti i fondamenti dell'Autonomia secoli prima del 1946 e il nostro compito, come amministratori, è proprio coltivare questa consapevolezza con particolare riguardo alle giovani generazioni". Così il presidente della Provincia Maurizio Fugatti ha aperto la presentazione delle iniziative dedicate ai 50 anni del Secondo Statuto, una presentazione voluta proprio nella sede della Fondazione Mach, "perché San Michele ha una storia peculiare, strettamente connessa con il percorso dell'Autonomia del Trentino, oltre ad avere una collocazione geografica precisa, centrale rispetto alla Regione Trentino Alto Adige, e ad essere luogo di formazione per centinaia di studenti", sono state le conclusioni del presidente Fugatti.

Living Immobiliare

E a proposito di ragazzi, in sala c'erano le classi quarta dell'istruzione tecnica e terza dell'istruzione e formazione professionale, che stanno seguendo un percorso dedicato proprio ai temi dell'Autonomia e del Secondo Statuto.

Il presidente del Consiglio provinciale Walter Kaswalder, nel ripercorrere le tante iniziative di matrice consiliare, portate avanti grazie anche al supporto dell'Assessorato provinciale all'Istruzione e di Iprase, ha spiegato come si sia "cercato di valorizzare il percorso di costruzione dello Statuto di Autonomia, per approfondirne la conoscenza in particolare fra gli studenti; preservare la nostra Autonomia significa conoscerla". Kaswalder ha quindi concluso con un appello, quello di "lavorare per arrivare alla realizzazione di un Terzo Statuto di Autonomia". Quindi il vicepresidente del Consiglio regionale Roberto Paccher ha evidenziato l'orgoglio di essere presenti e partecipi a questa iniziativa che si propone di "far conoscere ai giovani la nostra speciale Autonomia, far loro capire che non è una tematica astratta ma è invece essenziale per il nostro territorio".

"È un onore per la FEM ospitare questo evento che celebra i 50 anni del secondo Statuto di Autonomia" ha evidenziato nel saluto di apertura il direttore generale Mario Del Grosso Destreri, spiegando che dal 1874 questo ente ha mantenuto saldo il timone della sua missione a supporto del territorio per essere motore di innovazione e per svolgere il ruolo di attivo protagonista dei profondi mutamenti avvenuti.

"Di autonomia in costruzione" ha poi parlato la sovrintendente Viviana Sbardella, ragionando appunto di un percorso di continua costruzione dell'Autonomia che, non è un privilegio ma va "presentata e spiegata ai nostri giovani, i quali devono avere ben presente le proprio radici e storia per guardare avanti".

Il capo Ufficio stampa del Consiglio provinciale Luca Zanin ha ripercorso le iniziative, dagli incontri fra il Consiglio e le scuole con oltre 3.000 ragazzi contattati, i laboratori con tre istituti superiori "Ci pensiamo noi", ma anche la digitalizzazione di tutti i dibattiti consiliari e di tutti i ddl dal 1972 ad oggi, nonché la mostra fotografica che sarà ospitata a Palazzo Trentini e un numero speciale estivo di "Consiglio Provinciale Cronache".

Infine il presidente del Comitato Giuseppe Ferrandi, nell'illustrare il programma complessivo che coinvolge nel corso dell'anno oltre 150 relatori, ha spiegato come l'Autonomia non debba essere solo "difensiva ma in grado di rinnovarsi".

 



Riproduzione riservata ©

indietro