Skin ADV

La Giunta provinciale accolta a Sporminore. Fugatti: ‘Attenti alle priorità di questo territorio’

ven 04 mar 2022 16:03 • Dalla redazione

Parte dalla visita alla scuola d’infanzia l’appuntamento dell’esecutivo fuori porta. Sul tavolo anche le risposte sui grandi carnivori

SPORMINORE. La Giunta provinciale si è ritrovata questa mattina a Sporminore per la consueta riunione “fuori porta”, ospitata questa volta nella sede del municipio noneso, e per l’incontro con la comunità e gli amministratori locali. A ricevere il presidente della Provincia Maurizio Fugatti e gli assessori il sindaco di Sporminore Diego Giovannini, il vicesindaco Patrizio Costa, l’assessore Elisa Dissegna, i consiglieri comunali assieme ad una nutrita rappresentanza del tessuto associativo ed economico del paese: i rappresentanti dei consorzi che operano sul territorio (consorzio ortofrutticolo Lovernatico, consorzio Miglioramento fondiario, consorzio Società agricola Sporminore), dell’associazione volontari Sporminore, del comitato eventi, della Sat, del coro parrocchiale. Presenti anche i vigili del fuoco volontari, la polizia locale, i carabinieri della stazione di Sporminore, oltre all’assessore regionale Lorenzo Ossanna. “Ringrazio il sindaco e la Giunta comunale per l’invito” ha detto il presidente Fugatti, che prima dell’incontro nella sala del municipio ha visitato assieme all’assessore provinciale all’istruzione Mirko Bisesti, accompagnato dal sindaco e dall’assessore comunale Dissegna, la scuola d’infanzia “Fratelli Remondini”.

Living Immobiliare

“La possibilità di riunire la Giunta provinciale - ha proseguito Fugatti - dà l’occasione di incontrare la comunità, con le sue realtà sociali ed economiche. È un momento che serve per prendere coscienza da vicino delle problematiche, conoscerle e lavorare alle soluzioni”.

Il presidente ha quindi posto l’attenzione sulle priorità per il territorio di Sporminore e della sponda destra del Noce, a cominciare dal tema dei grandi carnivori. Riguardo all’orso, Fugatti ha ricordato l’importanza dell’accordo raggiunto sulle linee guida per la gestione dell’animale, che permettono maggiore capacità di azione, in base alla pericolosità di ciascuna situazione. E che daranno, ha aggiunto, “maggiori possibilità di intervento di fronte a nuove eventuali situazioni di mancata sicurezza per le persone”. Per quanto riguarda il lupo è nota invece l’assenza finora di linee guida nell’ambito di un piano nazionale di gestione, una mancanza che il Trentino ha fatto presente al ministro Cingolani. I percorsi tuttavia, ha fatto presente Fugatti, si stanno avviando: “Con il ministro stiamo lavorando ad un progetto di gestione specifica sperimentale per il Trentino. L’auspicio è nelle prossime settimane avere piano di gestione che consenta con azioni diversificate in base al livello di pericolosità manifestato”.

Il tema dei grandi carnivori è stato messo in evidenza anche dal sindaco Diego Giovannini, che ha espresso soddisfazione per la presenza dell’esecutivo provinciale: “Fa piacere a noi e a tutta la popolazione avere qui nel nostro Comune i vertici della Provincia. È un’ottima occasione per chiarire assieme le problematiche del nostro territorio, parlare delle priorità e dei progetti in corso. Per la crescita di una comunità, com’è quella di Sporminore, in cui il volontariato ha un ruolo di primo piano, con tante realtà sempre in prima linea per dare il proprio contributo”.

Riguardo ai progetti, Giovannini ha posto l’attenzione sul completamento della caserma vigili del fuoco volontari e del marciapiede sulla Sp 67, oltre che in generale sugli interventi per la messa in sicurezza di strade e edifici comunali. “Per noi - ha aggiunto - è molto importante anche la valorizzazione nostro centro storico, per migliorare la vivibilità e l’accoglienza sviluppando il turismo. Così da far crescere la nostra economia che ha una vocazione soprattutto agricola e artigianale”.

 



Riproduzione riservata ©

indietro