Skin ADV

Borgo d’Anaunia e l'alta Val di Non aiutano l'Ucraina

ven 25 mar 2022 09:03 • Dalla redazione

Partito un tir di generi di prima necessità per sostenere la popolazione sfollata

BORGO D’ANAUNIA. È partito il tir carico di beni di prima necessità donati dai cittadini di Borgo d’Anaunia e dell’Alta Val di Non e diretti in Ucraina.  “In queste settimane abbiamo assistito a una grandissima mobilitazione da parte dei cittadini di Borgo d’Anaunia e dei comuni limitrofi che hanno dimostrato davvero un grande cuore e hanno partecipato in massa a questa iniziativa di solidarietà” afferma il sindaco di Borgo d’Anaunia Daniele Graziadei.

Il comune, in collaborazione con la Società Podistica Novella, aveva promosso una raccolta di beni per sostenere le popolazioni colpite dalla guerra.

Living Immobiliare

Ben 25 bancali di merce raccolta attraverso le donazioni, un intero tir diretto a Kiev grazie a una straordinaria rete di istituzioni e volontariato.

“La merce caricata -aggiunge Graziadei- è stata donata anche dai cittadini di Sarnonico, Cavareno, Ronzone. Ringraziamo il signor Umberto Bertoldi che ha messo a disposizione il suo magazzino nel centro del paese di Fondo, che serviva in prima battuta come deposito e locale di smistamento merce. Le donazioni poi venivano trasportate nel magazzino della Podistica Novella, alla quale va un grande ringraziamento per aver coordinato il progetto”.

Tanta collaborazione, quindi, tra istituzioni, realtà associative, volontariato e cittadini, tutti uniti nel segno della solidarietà.

Parte attiva del progetto anche Associazione Cristiano - Culturale degli ucraini in Trentino “Rasom”.

“Non abbiamo aggettivi per descrivere straordinaria risposta al progetto di raccolta beni per le popolazioni colpite dalla guerra, semplicemente grazie a tutti!”, il commento dei volontari della Società Podistica Novella.

 



Riproduzione riservata ©

indietro