Skin ADV

A due solandri il Chiodo d'Oro Sosat 2022

ven 06 mag 2022 10:05 • Dalla redazione

Lo ricevono Maurizio Giarolli di Presson e Manuel Bontempelli di Pellizzano

TRENTO. Sono due solandri i vincitori di quest’anno del Chiodo d’Oro Sosat 2022. Maurizio Giarolli e Manuel Bontempelli hanno ricevuto l’ambito riconoscimento in occasione di Cordate del Futuro, l’incontro fra gli alpinisti delle diverse generazioni nell’ambito del Trento Film Festival. Giarolli ha ricevuto il premio quale alpinista veterano, mentre Bontempelli quale alpinista giovane.

Giarolli, nato a Cles nel 1958, residente a Presson, è una guida alpina, istruttore nazionale delle guide alpine, direttore dei corsi che abilitano a questa professione in Trentino. È inoltre maestro di sci e direttore della scuola Sci AEvolution di Folgarida. In ambito sciistico ha fatto parte della nazionale italiana di KL (Kilometro lanciato con un suo personale di velocità di 230.621 km/h). Numerose discese di sci estremo tra le quali: Canalone neri alla Cima Tosa, Parete Nord Cima Presanella, Via Faustinelli Cima Presanella. Il suo curriculum di scalate spazia delle montagne di casa: nel Gruppo Brenta e Adamello Presanella, alle scalate sulle Alpi quali Pilier d’Angle, Grandes Jorasses per lo Sperone Walker, Cervino, per la parete est, alle spedizioni in Patagonia, al Cerro Torre e alle Torri del Paine in Cile, all’isola di Baffin in Canada, al Baghirati in India, al Makalu in Nepal, al Mckinley in Alaska.

Living Immobiliare

Numerose le salite invernali di Giarolli, tra le quali la Via Livanos al Crozzon di Brenta, il Diedro Armani alle Cime di Campiglio e la prima salita Invernale al Cerro Torre, effettuata nel 1985 con Ermanno Salvaterra, Paolo Caruso e Andrea Sarchi. In questi anni si dedica con entusiasmo alla sua nuova attività di accompagnamento in scalate e barca a vela in Croazia. Un interprete della montagna che ha saputo vivere con grande equilibrio che lo fa essere apprezzato e stimato da tutti per il suo stile di alpinista e di vita. Gli viene conferito il premio per “un modo di vivere l’alpinismo con equilibrio interiore, autore di imprese di assoluto valore, narrate con modestia e umiltà, interpretando le scalate alle vette con leggerezza e ritagliandosi un ruolo che lo ha fatto diventare punto di riferimento per il mondo della montagna, dilettantistico e professionistico. Ha interpretato l’alpinismo a 360° compiendo imprese sportive testimoniate dai record, quali quelle del chilometro lanciato”.

Bontempelli, nato a Cles nel 1987 e vive a Pellizzano. È uno sportivo, avendo per molti anni gareggiato nello sci alpino con il Gruppo Sportivo delle Fiamme Gialle nei circuiti di Coppa Italia e Coppa Europa. L’inizio delle scalate ha un mentore, l’amico Silvestro Franchini (Chiodo d’Oro Sosat con il fratello Thomas nel 2016), che lo ha avvicinato a 18 anni alle scalate. A 21 anni l’addio all’agonismo e nella sua vita la montagna, grande passione è diventata anche una professione, quella di guida alpina e maestro di sci. Manuel è un’alpinista classico e sportivo allo stesso tempo, che ricerca estetica, avventura ed il limite nel suo andar per monti. Ammira la visione romantica della cordata roveretana formata da Paolo Leoni, Graziano Maffei detto Feo e Mariano Frizzera (quest’ultimo Chiodo d’Oro Sosat 2010), gente normale che dopo il lavoro andavano in montagna per se stessi senza dover dimostrare niente a nessuno. Numerose le vie d’arrampicata estreme aperte Manuel e quelle liberate, che un tempo venivano salite in artificiale. Insomma un interprete dell’alpinismo trentino moderno, con la consapevolezza, del valore del passato, dove stanno le sue radici. Bontempelli riceve il premio perché “Il suo approccio all’alpinismo è stato graduale, partendo dall’escursionismo con la famiglia sulle vette della sua Val di Sole, fino ad arrivare alle scalate sulle verticalità del Gruppo Brenta, per poi ampliare lo sguardo alle Alpi. Ha poi trasformato questa passione in professione, è guida alpina e maestro di sci, rimanendo legato al fascino delle montagne del Trentino esplorando nuovi limiti”. 



Riproduzione riservata ©

indietro