Skin ADV

«Dialisi, garantite le prestazioni per i turisti in estate»

dom 08 mag 2022 14:05 • Dalla redazione

Segnana: «Sull’Ospedale di Cles attenzione costante e concreta»

CLES. Sull'Ospedale di Cles l'attenzione della Provincia autonoma è "costante e concreta". Lo chiarisce l'assessora alla salute Stefania Segnana dopo che i consiglieri provinciali del Pat Paola Demgari e Michele Dallapiccola hanno presentato recentemente altre due interrogazioni sulla situazione della struttura ospedaliera delle Valli del Noce.

In particolare, i consiglieri si sono concentrati sulla situazione del Pronto Soccorso dove, grazie ai finanziamenti del decreto Rilancio, sono stati realizzati due nuovi ambulatori e una stanza di osservazione breve con due posti letto che "a oggi non sono funzionanti perché non vi è stato assegnato del personale dedicato". L’altra interrogazione si è concentrata su un servizio importante dedicato ai turisti, la cosiddetta dialisi vacanza, che consente agli ospiti con patologie croniche ai reni di poter continuare le proprie cure anche durante le vacanze.

Living Immobiliare

Un servizio che, dicono i due consiglieri, potrebbe essere sospeso per la carenza di personale anche a Cles.

Da qui la risposta dell’assessorato che in una nota evidenzia: “i lavori finanziati e già in corso (con una buona parte di essi già terminati) sulla struttura di Cles valgono oltre 12 milioni di euro, e sono coperti sia da risorse della Provincia sia da fondi nazionali - PNRR e PRRO (il Piano di riorganizzazione della rete ospedaliera). Tra queste anche l'ampliamento e la riorganizzazione dei percorsi del Pronto soccorso per 337.940 euro o la sala operatoria di ostetricia al 2° piano per 960.000 euro e i 3,5 milioni sono destinati alla realizzazione della Casa della Comunità nella ex caserma de vigili del fuoco. La futura struttura servirà a dare una risposta di carattere territoriale ad alcune funzioni sanitarie non prettamente di carattere ospedaliero. In aggiunta ai 12 milioni di euro, risultano esserci 700.000 euro di attrezzature finanziate e programmate a favore dell'ospedale di Cles anch'esse con finanziamenti sia provinciali sia attinenti alle grandi attrezzature del Piano Nazionale di ripresa e resilienza”. Inoltre, nel comunicato, si ribadisce che per il servizio di dialisi è garantita la copertura per i turisti, e il dato delle disponibilità in tutte le strutture della provincia è pari a circa 750 sedute in programma.

"L'Ospedale di Cles è all'attenzione costante della Provincia, come tutte le strutture ospedaliere territoriali. Gli investimenti già in corso lo rendono in grado di fornire i servizi necessari e anche la dialisi estiva verrà garantita – conclude l’assessora Segnana -. Gli interventi sul Pronto Soccorso sono in corso e ne prevedono un ampliamento e un rafforzamento”.  



Riproduzione riservata ©

indietro