Skin ADV

Il trionfo di Mollaro

mer 10 ago 2022 10:08 • Dalla redazione

Grande successo per la quarta edizione di Predaia senza Frontiere

La squadra vittoriosa di Mollaro

MOLLARO. Il ritorno in presenza di “Predaia senza Frontiere”, i Giochi senza Frontiere di Predaia organizzati dal comitato “PreGio Eventi” nell’ambito del Piano Giovani di Zona “Terra di Mezzo”, ha fatto segnare un grande successo in termini di partecipazione e divertimento tra i giovani dell’Altopiano di Predaia.

Nel corso della giornata le 15 squadre delle diverse frazioni (Coredo blu, Coredo azzurra, Priò, Segno, Sfruz, Smarano, Taio, Tres verde, Tres verde oliva, Tuenetto, Vervò arancione, Vervò gialla, Mollaro, Tavon e Dermulo) si sono affrontate e date battaglia in divertenti prove d’abilità, percorsi sui gonfiabili, staffette e circuiti goliardici, gareggiando per conquistare l’ambito “Palio della Predaia”.

Elektrodemo

Dopo due edizioni dominate dalla squadra di Vervò e l’ultima della versione classica dei Giochi, quella del 2019, conquistata dalla frazione di Priò, quest’anno ad aggiudicarsi il “Palio della Predaia” è stata la formazione di Mollaro, che ha totalizzato ben 970 punti precedendo nella classifica finale Vervò gialla (850 punti), giunta seconda, e Tres verde oliva e Smarano, terze a pari merito con 830 punti.

Ai piedi del podio si è piazzata Coredo blu con 730 punti, seguita da Vervò arancione (720), Segno (680), Dermulo (670), Tres verde (620), Tuenetto (610), Priò (600), Taio (570), Coredo azzurra (560), Tavon (490) e Sfruz (480). Al termine delle sfide sono salite sul palco le prime tre squadre classificate per la premiazione e l’assegnazione al team di Mollaro del “Palio della Predaia”, riconoscimento realizzato dall’artista locale Gianni Mascotti.

“PreGio Eventi”, attraverso le parole del presidente Andrea Preti, ha voluto ringraziare i partecipanti e i tanti attori coinvolti che hanno contribuito all’ottima riuscita dall’iniziativa: i vari gruppi giovani dell’Altopiano di Predaia, il Piano Giovani di Zona “Terra di Mezzo”, i giudici, i Comuni di Predaia e di Sfruz, la Cassa Rurale Val di Non-Rotaliana e Giovo, i Vigili del Fuoco di Coredo e di Smarano, il Consorzio Irriguo di Smarano e la Croce Bianca di Tuenno.



Riproduzione riservata ©

indietro