Skin ADV

Kelly la regina delle vacche

lun 19 set 2022 16:09 • Dalla redazione

Dei 110 capi in esposizione, vince l’esemplare di Virginia Montelli. Comasine conquista il Palio delle frazioni

PEIO. Regina, miglior capo cioè, della storica “Fera de Cogol” è stata designata la vitella di due anni Kelly, figlia del toro Arrow e di proprietà di Virginia Montelli, allevatrice di Celledizzo. Lo splendido giovane esemplare di razza bruna alpina è stato eletto sabato sera 17 settembre a Cogolo di Peio, durante la Festa dell’Agricoltura, svoltasi in Val di Peio, sbaragliando la concorrenza delle altre bestie della speciale rassegna: davanti a un nutrito pubblico, 110 capi suddivisi in 10 categorie hanno sfilato nel recinto–passerella realizzato nella località Biancaneve.

Per il presidente degli allevatori solandri Lorenzo Andreotti “la speciale qualità dei capi mostrata alla fiera di Cogolo dimostra come in Val di Peio l’allevamento è una vera e propria arte, portata avanti ancora con particolare impegno e passione, esibendo notevoli professionalità ed organizzazione nello svolgere un lavoro sicuramente non facile, semplice e comodo”. Il sindaco di Peio Alberto Pretti ha “ringraziato gli allevatori locali per il costante e continuo impegno lavorativo, fondamentale per il mantenimento del meraviglioso ambiente”, mentre il presidente della Federazione Provinciale Allevatori Giacomo Broch ha evidenziato come “la situazione attuale della zootecnia trentina sia particolarmente critica”.

Living Immobiliare

“Terminata da poco la pandemia – ha aggiunto - siamo ora alle prese con una crescita generale dei costi di produzione, determinata dall’aumento delle materie prime, dell’energia e da quant’altro attiene alla difficile congiuntura internazionale. Ciò nonostante è decisamente incoraggiante la presenza di diversi allevatori giovani, una risorsa importante per far proseguire nel tempo la fiera di Cogolo, senza dubbio una delle rassegne più affermate e seguite dell’intero arco alpino”.

La rassegna, che abbina il ritorno del bestiame dall’alpeggio, gli antichi mestieri e i gustosi sapori di montagna, si è conclusa alla grande domenica 18 settembre con la colorita sfilata delle vacche rientrate dall’alpeggio e scortate da capre, cavalli ed altri animali domestici, nonché con l’atteso “Palio delle Frazioni”:  le squadre rappresentative dei 5 paesi della Val di Peio, in bellissimi vestiti di un tempo, si sono sfidati nella corsa con i sacchi e carriole, segagione a mano di un tronco di larice, taglio dei ceppi con accetta e la realizzazione di una precisa catasta di legna. Poi è stata la volta della scalata del palo della cuccagna, l’emozionante tiro alla fune e l’immancabile morra; grazie ad un’ottima prestazione corale, il Palio e il prestigioso trofeo offerto dal Comune sono stati conquistati dalla collaudata formazione di Comasine, guidata da Giuseppe Penasa e dal capo frazione e consigliere comunale Pierluigi Pedergnana. La frazione ha vinto per la decima volta lo speciale palio, precedendo Celledizzo e Cogolo (secondi a pari merito), Celentino e Peio Paese. La Festa dell’Agricoltura, organizzata dal Consorzio Turistico Pejo 3000 con la collaborazione del Comune di Peio e dell’Unione Allevatori della Val di Sole, è stata resa possibile grazie all’’intenso e appassionato lavoro di numerosi volontari.

 

 



Riproduzione riservata ©

indietro