Skin ADV

L'ospedale di Cles è Amico delle Bambine e dei Bambini

mer 28 set 2022 15:09 • Dalla redazione

Stamattina la cerimonia di assegnazione del riconoscimento OMS-UNICEF

CLES. Prosegue il programma relativo all'assegnazione del riconoscimento di Ospedali e Comunità Amici delle Bambine e dei Bambini dei punti nascita e dei servizi della comunità che insieme in Trentino hanno ottenuto il riconoscimento.

Stamattina è stato il turno dell'Ospedale Valli del Noce di Cles, con un evento che ha riunito tutti i protagonisti del percorso di certificazione presso la sala riunioni della palazzina ex Geriatrico. Si tratta di un progetto che parte da lontano: l'avvio è del 2009 per l'ospedale di Trento, il cui riconoscimento è avvenuto nel 2014, e nel 2015 l'adesione viene estesa a tutti gli altri punti nascita e ai servizi della comunità, come prevedono sia il Piano per la Salute del Trentino sia il Piano provinciale della Prevenzione, tramite sottoscrizione del Protocollo d’Intesa fra Provincia e UNICEF avvenuta nel 2016.

Living ottobre

Ad aprire la cerimonia è stato il direttore della Direzione Medica Ospedaliera Armando Borghesi, quindi gli interventi di Giuliano Mariotti, direttore sanitario dell'Apss, di Anna Pedrotti, coordinatrice del progetto provinciale che ha rimarcato il grande impegno di tutti gli operatori e la forte valenza territoriale del progetto a Cles, di Marisa Dellai, referente del progetto per l'Apss, nonché di Veronica Albertini, coordinatrice ostetrica e referente per Cles che con Lorena Iori, infermiera Servizio professioni sanitarie e  referente del progetto per Cles, hanno raccontato l’esperienza e i risultati raggiunti a Cles.  A portare il loro contributo sono poi state Barbara Zapparoli, tutor UNICEF del progetto a Cles, ed Erika Moltrer, coordinatrice ostetrica del Consultorio di Cles, seguite dalla testimonianza di alcune mamme della comunità.
Infine la consegna della Pergamena “Ospedale Amico delle Bambine e dei Bambini” a cura di Elise Chapin, del Programma Insieme per l’Allattamento UNICEF Italia.



Riproduzione riservata ©

indietro