Skin ADV

Contro la Drosophila suzukii c’è l’antagonista Ganaspis brasiliensis

mer 12 ago 2020 • Dalla redazione

La FEM coordina il programma di sperimentazione a livello nazionale

L’autorizzazione ministeriale per la sua importazione è stata ottenuta due mesi fa e ora il Ganaspis brasiliensis, un microimenottero (piccola vespa) parassitoide originario dell’Estremo Oriente (Cina, Corea del sud e Giappone) che servirà a combattere la Drosophila suzukii, è arrivato in Italia dando così inizio alla sperimentazione alla Fondazione Edmund Mach che coordina il programma a livello nazionale. L’antagonista esotico è stato prelevato, seguendo tutte le misure di sicurezza previste dai regolamenti, dai laboratori del CAB International, importante centro di ricerca svizzero. Ora per il Ganaspis inizia il periodo di sperimentazione in quarantena; il prossimo passo sarà la presentazione dello studio del rischio che valuti l’impatto del parassitoide sugli ecosistemi locali in caso di liberazione sul territorio. Tale studio è un requisito fondamentale per ottenere l’autorizzazione al rilascio e verrà presentato alle autorità preposte entro la primavera 2021.

Una volta approvato lo studio del rischio, si potrà procedere all’avvio di un programma di lotta biologica per il controllo su scala territoriale di Drosophila suzukii, analogo a quello già partito nei confronti della cimice asiatica con la vespa samurai.

 

 



Riproduzione riservata ©

indietro