Skin ADV

Il Tar di Trento sospende la cattura dell'orsa JJ4

mer 16 set 2020 16:09 • Dalla redazione

Il Tribunale accoglie la richiesta di sospensiva di Enpa e Oipa

Potrà starsene tranquilla ancora per un po’ nei boschi l’orsa JJ4, protagonista dell’episodio sul monte Peller (QUI L'ARTICOLO) e sulla quale pendeva un’ordinanza di cattura (QUI L'ARTICOLO). Il Tar di Trento ha accolto la richiesta di sospensiva presentata da Enpa e Oipa. «Un provvedimento estremamente importante, che accogliamo con grande gioia – scrivono le associazioni animaliste nella nota con la quale comunicano la notizia -. Felici per l’orsa e i suoi cuccioli, per la tutela del patrimonio più prezioso di biodiversità e per poter dare voce ai tantissimi cittadini in apprensione per la sorte dell’orsa». C’è soddisfazione quindi nel mondo ambientalista che fin dall’inizio si era schierato dalla parte del plantigrado e che interpreta ora la sentenza di sospensiva del Tar come un richiamo alla ponderazione nelle pubbliche decisioni.

Living Immobiliare

Il Tar aveva già sospeso il provvedimento della Provincia autonoma di Trento sulla possibilità di abbattere l'esemplare (QUI L'ARTICOLO e QUI).

«Abbiamo chiesto e auspicato questo pronunciamento nel rispetto del diritto, per cui abbiamo tanto intensamente lavorato in una situazione di emergenza per la sorte della popolazione ursina e per il destino di un progetto così rilevante come Life Ursus, voluto dall’Europa e dal nostro Paese» scrivono. Ora le associazioni attendono la discussione delle due ordinanze impugnate di recente: «la prima delle due frettolose ordinanze di agosto del presidente della Provincia Autonoma di Trento, Maurizio Fugatti – ricordano - riguarda, appunto, la reclusione a vita dell’orsa JJ4, mentre la seconda prevede l’ergastolo per M57, l’orso coinvolto nello scontro con il giovane carabiniere, (qui L’articolo) e per tutti gli orsi, non identificati e in numero indefinito, che si affaccino, anche fuggevolmente ed episodicamente, nei comuni di Folgarida, Andalo e limitrofi. Questo, vorremmo dire, non è più tempo di trappole, né per gli orsi né per il diritto, a cominciare dal Piano d’Azione interregionale per la conservazione dell’orso bruno sulle Alpi centro-orientali (Pacobace), tante volte invocato negli atti ufficiali dalla Provincia Autonoma di Trento mentre se ne violavano lettera e spirito».



Riproduzione riservata ©

indietro