Skin ADV

La Val di Non punta sulle piste ciclabili

sab 14 nov 2020 09:11 • Dalla redazione

Arriva la delega della Provincia alla Comunità di valle per la progettazione del tratto tra Cles e Dermulo

Sono due i decreti licenziati dal commissario della Comunità della Valle di Non Silvano Dominici a proposito della realizzazione di piste ciclabili in territorio noneso. Il primo riguarda l’approvazione della delega affidata all’ente da parte della Provincia in merito alla progettazione e all’esecuzione del collegamento ciclabile Cles-Dermulo. La Comunità di valle, congiuntamente con i sindaci dei Comuni di Cles, Predaia e Ville d’Anaunia, ne aveva richiesto la delega con le note del 8 luglio 2020 e del 7 agosto 2020. Il costo dell'opera è stimato, in base al progetto preliminare, in 3,7 milioni di euro. Di questi, la quota a carico della Provincia sarà di 3.000.000 di euro, mentre la parte rimanente dovrà essere garantita dalla Comunità con risorse proprie.

Living Immobiliare

L’ente della Val di Non però era già stato delegato dalla Provincia relativamente alla progettazione e realizzazione del tratto ciclopedonale da Cles a Mostizzolo, nell’ambito dell’Accordo di programma per il Fondo strategico territoriale della Val di Non. E proprio su questo intervento si innesta il secondo atto licenziato dal commissario, che va ad approvare lo schema di accordo disciplinante i rapporti tra la Comunità e il Comune di Cles per la realizzazione del tratto in questione.

Il nuovo accordo va a sostituire quello approvato dal Comitato esecutivo con deliberazione n. 27 di data 26 febbraio 2020. La ripetizione di tale passaggio, così come d altri dell’iter, si è resa necessaria visto l’accoglimento parziale del ricorso presentato al Presidente della Repubblica, e poi spostato al Tar di Trento, dalle amministrazioni comunali di Cavareno, Romeno, Ronzone e Ruffrè-Mendola contro l’accordo di programma sul fondo strategico e i successivi provvedimenti amministrativi adottati dalla Comunità: in particolare, il tribunale ha annullato alcuni atti tra cui la deliberazione del Consiglio n. 24 del 12 settembre 2018 relativa al piano finanziario e ai criteri per l’accesso ai finanziamenti, e la deliberazione del Comitato esecutivo n. 93 del 19 settembre 2018, relativa disciplina delle fasi relative all’iter di finanziamento degli interventi inseriti nell’accordo. 



Riproduzione riservata ©

indietro