Skin ADV

Covid-19 miete altre 12 vittime. Si contano quasi 400 positivi in più

mar 08 dic 2020 16:12 • Dalla redazione

In Val di Non si registrano 20 casi, sono 3 in Val di Sole

È un altro tributo pesante quello che il Trentino paga sul fronte del Covid-19. Secondo i dati dell’Azienda sanitaria, nelle ultime 24 ore si contano altri 12 decessi (784 da inizio pandemia). Si tratta di 3 donne e di 9 uomini. La vittima più giovane aveva 71 anni, quella più vecchia invece 100. L’età media degli ultimi decessi - metà dei quali avvenuti in Rsa - è pari a 86 anni.

Su quasi 4.000 tamponi effettuati, sono stati identificati 149 nuovi casi positivi al molecolare ai quali se ne affiancano altri 245 segnalati dai test rapidi. Nel dettaglio, si evidenzia una sempre preoccupante incidenza dei contagi sugli over 70, che oggi includono altri 86 nuovi soggetti.

Funivie Madonna di Campiglio

Ma ci sono anche 3 bambini al di sotto dei 5 anni (1 di questi ha meno di 2 anni) e 19 nuovi casi di bambini o ragazzi in età scolare sui quali sono in corso le indagini epidemiologiche che potrebbero determinare l’isolamento delle rispettive classi (ieri quelle in quarantena erano 55).

Sempre analizzando i casi positivi di oggi, si nota la presenza di 24 soggetti che fanno riferimento alle Rsa (perché ospiti o operatori), come pure di 117 asintomatici e 224 pauci sintomatici, tutti seguiti a domicilio.

Salgono di 3 unità i ricoveri in ospedale che ora sono 474, ma resta uguale a ieri il numero dei pazienti in rianimazione (48). Ieri i nuovi ingressi nelle strutture ospedaliere trentine sono stati 39, a fronte di 30 dimissioni. Sono 194 i guariti riportati nel bollettino di oggi.

Nelle Valli del Noce, quindi, si registra un incremento in Val di Non con 20 casi di nuove positività ad Amblar-Don (+3), a Borgo d’Anaunia (+2), Bresimo (+1), Cavareno (+1), Cles (+3), Denno (+1), Novella (+1), Predaia (+1), Rumo (+2), Sanzeno (+1) Sporminore (+1), Ton (+1) e Ville d’Anaunia (+2). Tre i casi in Val di Sole: 2 a Caldes e 1 a Pellizzano.



Riproduzione riservata ©

indietro