Skin ADV

Sci, stop generale fino al 5 marzo

dom 14 feb 2021 20:02 • Dalla redazione

Il Ministro Speranza firma il provvedimento

Una magra consolazione per il Trentino, che diventato arancione non può aprire le sue piste da sci come previsto. Anche nel resto d’Italia gli impianti dovranno rimanere fermi dal momento che il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato in queste ore un provvedimento che vieta lo svolgimento delle attività sciistiche amatoriali fino al 5 marzo 2021, data di scadenza del DPCM 14 gennaio 2021. "Il Governo - ha detto Speranza - si impegna a compensare al più presto gli operatori del settore con adeguati ristori".

"Per l'economia delle Regioni è una mazzata all'ultimo secondo - ha detto il coordinatore della Commissione speciale turismo e industria alberghiera della Conferenza delle Regioni, Daniele D'Amario - perché dopo due rinvii arriva un altro stop. Le Regioni in zona gialla si erano organizzate per attuare un protocollo di sicurezza e ingaggiare personale adeguato, ma si rispegne una macchina che si era messa in moto nel rispetto delle regole".

La notizia era comunque nell’aria visto che stamani il Comitato tecnico scientifico aveva espresso contrarietà alla riapertura degli impianti sciistici che aveva evidenziato come alla luce delle "mutate condizioni epidemiologiche" dovute "alla diffusa circolazione delle varianti virali" del virus "allo stato attuale non appaiono sussistenti le condizioni per ulteriori rilasci delle misure contenitive attuali, incluse quelle previste per il settore sciistico amatoriale".

Living Immobiliare

Di qui la richiesta del Comitato di "rivalutare la sussistenza dei presupposti per la riapertura" dello sci, "rimandando al decisore politico la valutazione relativa all'adozione di eventuali misure più rigorose".

Dal canto suo, poi, il consigliere del ministro della Salute Walter Ricciardi aveva detto che è "urgente cambiare subito la strategia di contrasto al virus SarsCov2: è necessario un lockdown totale in tutta Italia immediato, che preveda anche la chiusura delle scuole facendo salve le attività essenziali, ma di durata limitata. Inoltre va potenziato il tracciamento e rafforzata la campagna vaccinale” (Qui l'articolo). 

E così, come le altre Skiaree del trentino, anche il comprensorio PontediLegno - Tonale, che era pronto a ripartire almeno per quanto riguarda la parte lombarda, si fermerà. L'annuncio dalla pagina Facebook con questo messaggio: "Caro sciatore, con grande amarezza ti annunciamo che lunedì 15 febbraio i nostri impianti non potranno riaprire. Il nostro comprensorio rimarrà chiuso dopo giorni di lavoro serrato. I nostri sforzi sono stati vani. Vogliamo tranquillizzarti, se hai acquistato uno skipass nei giorni passati, perché anche tu, come noi, speravi di poter ritornare in pista, non perderai il tuo acquisto. Nei prossimi giorni avremo comunicazioni più precise in merito. Ti chiediamo un po’ di pazienza, non appena avremo informazioni certe te le comunicheremo".



Riproduzione riservata ©

indietro