Skin ADV

Una petizione per salvare il Noce

gio 05 ago 2021 08:08 • Dalla redazione

Il Comitato permanente per la difesa delle acque del Trentino dice no a nuovi prelievi idroelettrici e irrigui

TRENTO. Una petizione popolare per dire basta a nuovi prelievi idrici a scopo idroelettrico e irriguo nel bacino del Noce in Val di Sole: l’ha presentata ieri pomeriggio a Trento, nella

sede della sezione trentina di Italia Nostra a Trento il Comitato permanente per la difesa delle acque del Trentino. All'incontro sono intervenuti Tommaso Bonazza, eletto il 30 luglio nuovo portavoce del Comitato permanente per la difesa delle acque del Trentino; Luca Scaramella, portavoce del Comitato permanente per la difesa del fiume Noce; Fabio Arnoldi, presidente della Federazione Pescatori del Trentino; Salvatore Ferrari, rappresentante di Italia Nostra e primo firmatario della petizione; Mauro Finotti, portavoce uscente del Comitato permanente per la difesa delle acque del Trentino, nonché presidente uscente della Federazione Pescatori del Trentino; Alessandro Rossi, rappresentante della SAT.

Living Immobiliare

“Il torrente Noce – si legge nel documento di presentazione della petizione - rappresenta una grande ricchezza per la Val di Sole. La qualità e l’abbondanza delle sue acque sono alla base di un’economia turistica ed agricola sostenibile e di una serie di servizi ecosistemici di inestimabile valore. Tuttavia, nuovi progetti di sfruttamento delle acque a scopo idroelettrico ed irriguo minacciano il torrente. Uno di questi, prevede un ingente prelievo idrico in Val di Peio per sostenere l’agricoltura intensiva di meleti della Val di Non. Non lasciamo che questo accada! Riteniamo di estrema importanza la salvaguardia del torrente Noce nella sua funzionalità ecologica e nel suo valore paesaggistico, ricreativo e sociale. Per questo motivo, chiediamo che il Consiglio della Provincia Autonoma di Trento intervenga con una legge per

  •          Fermare nuovi ed insostenibili prelievi idrici a scopo idroelettrico e irriguo nel bacino del Noce in Val di Sole
  •           Evitare l’ulteriore sfruttamento dell’acqua, bene comune, da parte di soggetti privati in tutto il Trentino
  •          Impedire lo scempio del Noce significa anche rafforzare l'azione di difesa di tutti i fiumi e torrenti italiani".

 Il link alla petizione lanciata su change.org:

http://chng.it/nCHPZj8FBX

 



Riproduzione riservata ©

indietro