Skin ADV

Che fine ha fatto il megadepuratore?

mar 26 gen 2021 14:01 • By: Alberto Mosca

Il grande impianto doveva soddisfare le esigenze dei sette comuni della bassa Val di Sole e del Mezzalone. Ma da anni è nel dimenticatoio

L'area di ponte Stori, candidata a ospitare il megadepuratore

Qualche giorno fa abbiamo riferito su queste pagine dei prossimi cantieri che anche nelle valli del Noce porteranno alla realizzazione di nuovi depuratori delle acque (Qui l'articolo). Ma esiste un “megaprogettone” del quale ormai da anni si sono perse le tracce: un grande impianto di depurazione idrico che doveva andare a soddisfare le esigenze della bassa Val di Sole e del Mezzalone, ovvero per i sette comuni Terzolas, Caldes, Cavizzana, Cis, Livo, Bresimo, Rumo: quest’ultimo comune peraltro figura vanta ora l’aggiudicazione dei lavori di costruzione del proprio depuratore.

Living Immobiliare

Forse la storia del megadepuratore è destinata a rimanere senza lieto fine? Per questo abbiamo chiesto aggiornamenti al sindaco di Caldes, Antonio Maini. Naturalmente, partiamo da un riepilogo di una storia ormai decennale.

“Il progetto – spiega Maini – si è arenato nel momento in cui, ormai un decennio fa, la Provincia si è trovata di fronte alla necessità di trovare una precisa collocazione geografica all’opera. Noi eravamo disponibili ad ospitarla, a patto però che venissero soddisfatte una serie di condizioni relativamente alle opere idrauliche, all’impatto ambientale, al rischio idrogeologico, all’adeguatezza delle vie di comunicazione stradale. L’area individuata poteva essere quella di Ponte Stori, per un’opera destinata ai tre comuni della bassa Val di Sole, ma si poteva ragionare su un’area più a valle per soddisfare le esigenze di Bresimo, Cis e Livo e per fare un’unica grande opera anziché due. Dopo di che, il silenzio. Mai avuto risposta e – prosegue Maini – nonostante incontri ripetutamente richiesti, niente”.

Peraltro, conclude Maini, “l’opera è ancora finanziata dai fondi di trasferimento europei e la competenza rimane alla Provincia”. Chissà se qualcosa si muoverà.



Riproduzione riservata ©

indietro