Skin ADV

Rumo: un luogo per giovani, anziani, turisti (12)

dom 11 apr 2021 14:04 • By: Alberto Mosca

A poco più di sei mesi dalle elezioni comunali, NOS Magazine intraprende un viaggio tra i comuni delle valli del Noce, ascoltando le voci dell’amministrazione e, dove presente, della minoranza. Stavolta andiamo a Rumo

RUMO. Michela Noletti è arrivata alla terza consigliatura, la prima senza una minoranza consiliare. Partiamo da questo aspetto per andare ad approfondire priorità e obiettivi di un comune che da tempo porta avanti un articolato progetto di valorizzazione del territorio, specialmente a favore di un turismo lento, sostenibile, attento all’ambiente.

Sindaca Noletti, perché questa consiliatura è diversa dalle precedenti?

Ripartiamo con più dimestichezza, ma con il consiglio formato da un’unica lista: una circostanza che da una parte velocizza le nostre comunicazioni, ma dall’altra comporta il dovere lavorare di più per mantenere l’amalgama nel gruppo e le giuste motivazioni. Un compito reso facile dal gruppo, motivato ed eterogeneo, capace di esprimere competenze e visioni diverse in dibattiti ricchi e impegnati, con grande condivisione. La lista unica ci impone poi l’obbligo forte di una maggiore trasparenza nel presentare il nostro operato. Siamo stimolati a fare bene.

Quali sono, dopo sei mesi dalle elezioni, gli obiettivi e le priorità da portare avanti?

Questo tempo nuovo rispecchia quello che ci siamo lasciati alle spalle: la pandemia che limita le relazioni all’esterno e questo ci manca molto, con gli incontri pubblici nelle frazioni che da troppo tempo si sono fermati.

Living Immobiliare

Dal punto di vista delle opere pubbliche, abbiamo finanziamenti statali destinati alla messa in sicurezza della viabilità e all’efficientamento energetico degli edifici pubblici, puntando alle fonti rinnovabili. In fase abbiamo la realizzazione della strada di accesso alla caserma e l’ampliamento della stessa; poi, opera importantissima in gara d’appalto della PaT sarà il nuovo depuratore di Rumo, un grande traguardo. E sui temi ambientali voglio ricordare il pluriennale impegno della nostra scuola primaria. Ancora, provvederemo all’illuminazione pubblica a led, come per tutte le strutture comunali; la messa in sicurezza del bivio di Marcena, l’ampliamento della strada che porta al Crm, la riqualificazione del chiosco al parco giochi e dell’area camper, luogo apprezzato e strategico per il nostro territorio, valore aggiunto. Naturalmente siamo attenti a scuola, giovani, famiglie: porteremo avanti le iniziative estive, che attirano iscrizioni anche da fuori comune, per dare un segnale di fiducia alle famiglie, pandemia permettendo.

A lungo termine, esiste un progetto cui tiene particolarmente?

Vorrei arrivare in questi 5 anni a dare fondamento ad una struttura dedicata agli anziani, per Rumo ma fruibile anche per tutta la valle. Penso a una forma di cohousing, a una forma assistenziale di nuova impronta; vorrei andarmene da sindaca con la certezza che questo progetto sarà concretizzato: se poi riusciremo ad avviarlo meglio ancora. Per i giovani vogliamo creare contesti di coinvolgimento e scambio di idee e proposte, promuovendo progetti che valorizzino il senso di appartenenza alla comunità.

Recentemente su Facebook si è sfogata contro i frequenti disservizi telefonici e di servizi internet che affliggono Rumo: ha avuto risposte in merito?

Da oltre dieci anni lottiamo contro i frequenti disservizi telefonici e su mobile: Tim ha fatto un bel lavoro di posa della fibra: però a valle ci appoggiamo a tratte aeree che continuano a rompersi e vengono solo rattoppate invece che ristrutturate a fondo. Continuiamo ad ascoltare proclami sulla digitalizzazione, sul telelavoro, lo smartworking: inutili se ci sono ancora zone come le nostre non coperte o coperte male. Mi auguro che recenti incontri abbiano siano risolutori in questo senso. Ormai per me si tratta di una questione di servizio e necessità, ma anche di principio.

 



Riproduzione riservata ©

indietro