Skin ADV

Una nuova materna per i bambini di Pellizzano

gio 07 ott 2021 10:10 • By: Lorena Stablum

Sabato si inaugura il nuovo polo dell'infanzia da zero a sei anni

PELLIZZANO. I bambini di Pellizzano hanno una nuova scuola. Da quest’anno, infatti, frequentano il nuovo polo dell’infanzia da zero a sei anni costruito a Pellizzano. L’amministrazione comunale inaugurerà ufficialmente la struttura sabato 9 ottobre alle 14.30 con una due giorni dedicata al primo simposio annuale dell’educare, che inizierà già a partire da venerdì. Il nuovo plesso scolastico nasce a seguito della riorganizzazione dei servizi educativi del territorio che stabiliva che gli alunni delle elementari dei Comuni di Pellizzano e Ossana sarebbero andati a scuola a Ossana mentre i bimbi della materna sarebbero rimasti tutti a Pellizzano. Ne era seguito un accordo tra le due amministrazioni comunali che aveva portato ai progetti di riqualificazione e costruzione di un polo per l’infanzia a Pellizzano, la cui realizzazione è terminata a settembre, e di un plesso per le elementari a Ossana, tuttora in fase di edificazione. Dal prossimo anno, quindi, anche i bambini di Ossana andranno alla materna di Pellizzano. «Abbiamo creduto in questo progetto fin dall’inizio – commenta la sindaca Francesca Tomaselli -. Siamo partiti con la progettazione di una scuola dell’infanzia che voleva essere sperimentale e innovativa dal punto di vista pedagogico ed educativo. Qui la Provincia ha voluto provare a dare vita a un polo d’infanzia dove saranno ospitati i bambini da zero a sei anni, che frequenteranno la stessa scuola in tutti i loro primi anni di vita».

Elektronemo

Partiti un paio di anni fa con la demolizione del vecchio edificio scolastico, i lavori hanno impegnato l’amministrazione comunale in un cantiere piuttosto complesso, con imprevisti dovuti anche alla bonifica delle aree, e che complessivamente è costato 1.888.395 euro (453.325 euro in diretta amministrazione). Ne è nato un edificio funzionale, in cui ogni dettaglio - dagli spazi, all’arredamento fino alla scelta dei materiali impiegati - è stato studiato per rispondere alle più moderne linee educative. «Per quanto possibile, siamo stati attenti agli aspetti di efficientamento energetico e di sostenibilità – aggiunge la sindaca – e abbiamo impiegato tutte ditte locali che, devo dire, nei lavori hanno messo qualcosa in più rispetto alla semplice manovalanza permettendoci di rispettare i tempi che ci eravamo dati». Progettato dall’ingegner Elisa Merli, l’edificio potrà ospitare, a pieno regime, 52 bambini nella scuola d’infanzia che andranno ad affiancarsi ai 45 posti disponibili del nido. La struttura è stata studiata per metter in condivisione tra materna e nido alcuni spazi come la cucina e la lavanderia e sarà completata anche da un ampio giardino e da una stanza denominata atelier, un laboratorio creativo dove arte, natura e bellezza si combinano e nel quale il bambino può dare libero sfogo alla propria espressività. «Questo ambiente apre a una serie di prospettive educative molto interessanti che potranno portare la scuola dell’infanzia ad aprirsi verso l’esterno – continua Tomaselli -. La scuola che ci immaginiamo, e per la quale ci piacerebbe avviare un percorso condiviso con la Provincia, è una scuola che offre servizi anche d’estate, magari non solo alle famiglie di Pellizzano e Ossana, e che sia un vero strumento di conciliazione. Sarebbe bello se in valle almeno un paio di scuole riuscissero a rispondere alle esigenze delle famiglie anche al di fuori del periodo scolastico».

L’inaugurazione si inserisce all’interno del simposio di due giornate dedicato ai temi dell’educazione che vedrà la partecipazione, nella giornata di venerdì, di Laura Pigozzi, psicoanalista e scrittrice, Emanuela Fellin, pedagogista clinica e psicologa, e Benedetta Melloni, progettista di azioni educative. Sabato, infine, sono in programma gli interventi di Simona Spaggiari, atelierista e artista Reggio Children; Barbara Zoccatelli, La Coccinella - Università di Trento; Ugo Morelli, psicologo studioso di scienze cognitive e scrittore. Per info e iscrizioni: pellizzanodream@gmail.com 



Riproduzione riservata ©

indietro