Skin ADV

Cappellacci al vino Teroldego con ragù di cervo su vellutata di castagne

mer 10 nov 2021 09:11 • By: Giuseppe Ceci

Una ricetta territoriale con i nostri prodotti autunnali

Pasta al vino rosso

L'aggiunta del vino all'impasto della pasta fresca (in questo caso all'uovo) ne arricchisce il sapore senza invadere quello del condimento, anzi lo esalta.

Ingredienti per 4 persone

400 gr farina 00

160 gr vino rosso corposo (Teroldego)
4/5 tuorli
1 pizzico di sale

Procedimento della pasta all'uovo

Formate con la farina una fontanella col buco nel mezzo, versatevi il vino (ridotto a fuoco lento a metà), aggiungete i tuorli e il sale.
Mescolate con una forchetta facendo cadere gradualmente la farina al centro.
Quando inizierà ad addensarsi, continuate a impastare a lungo con le mani fino ad ottenere un panetto sodo e omogeneo.
Riponete il panetto in un sacchetto di plastica, lasciando riposare una mezz'oretta prima di iniziare a formare la pasta.

valli del noce


Trascorso il tempo di riposo, ci si può sbizzarrire con qualsiasi formato di pasta si preferisca.

Per la farcia e condimento

150g carne di cervo

1 bicchiere di vino rosso

Parmigiano

½ cipolla

½ sedano

½ carota

10 castagne sbucciate e lessate

Preparazione

Preparate la sfoglia con gli ingredienti. Stufate la carne di cervo con le cipolle, il sedano, le carote, bagnate con vino rosso e portate a cottura. Lasciate raffreddare e tritate il tutto finemente. Aggiungete il parmigiano e fate della piccole palline da mettere nei dischetti di sfoglia e formate dei cappellacci sovrapponendogli un altro dischetto e facendogli pressione con le dita. Cuocete i cappellacci in acqua bollente per alcuni minuti. Nel frattempo lessate le castagne con una fogliolina di lauro in acqua leggermente salata, quando sono cotte (devono essere stracotte in modo che si sfaldino facilmente) frullatele con un po' di acqua di cottura con un minipimer, formando una cremina semiliquida. Aggiungete una noce di burro per rendere la crema più vellutata, mettetela a specchio sul piatto e adagiateci sopra i cappellacci spadellati con del burro e salvia.


Riproduzione riservata ©

indietro