Skin ADV

Cosa offre la Val di Sole ai giovani?

mer 13 apr 2022 10:04 • By: Gli allievi della classe IV - Cfp Enaip Alberghiero Ossana

Alcune proposte a 360 gradi

Questo contenuto informativo è stato prodotto nell’ambito del progetto “Tu Sei” che coinvolge Confindustria e gli Istituti professionali trentini. Nello specifico, la classe IV del Cfp Enaip Alberghiero di Ossana ha prodotto contenuti informativi originali per la rivista online nosmagazine.it, edita dall’agenzia di comunicazione Nitida Immagine (Cles-TN), associata a Confindustria.

La Val di Sole, si sa, è la meta ideale per gli amanti delle attività all’aria aperta. Trekking, escursioni a tema adatte a tutti, adulti e bambini, che permettono di scoprire le bellezze della Val di Sole in estate in totale sicurezza e in compagnia di figure qualificate, professionisti della montagna esperti e profondi conoscitori del territorio.

Un tesoro incredibile ricco di itinerari escursionistici e alpinistici con una grande varietà di paesaggi che vanno dai 600 metri del fondovalle fino ai 3700 metri delle cime più alte. La Val di Sole è particolarmente vocata alle attività outdoor: se ne possono praticare davvero tante dalla bike, al rafting, al trekking fino allo sci e alle ciaspole, lo sci d'alpinismo. La vacanza non è fatta solo di sci, ma anche di musica e divertimento all'après – ski con gli amici. La valle è un autentico paradiso per gli amanti delle due ruote. Un'offerta davvero completa, tra percorsi di mtb, bike park e la pista ciclabile. E poi cascate, laghi, masi e musei, terme, i parchi dello Stelvio e Adamello Brenta rendono la Val di Sole una meta turistica diversa dal solito.
Non ci sono dubbi sul fatto che la Val di Sole sia un'attrazione per gli sportivi e non solo ma le attività sono prevalentemente per famiglie e sono molto costose.

valli del noce

 

Per quanto riguarda i giovani invece, la Val di Sole non offre molti servizi. La gioventù al mondo d'oggi ha bisogno di divertimento e svago, un'idea che qua in una piccola valle è molto lontana. Sì, ci sono molti bar ma l'idea di almeno una vera e propria discoteca non sarebbe male.
Oltre ad una discoteca dovrebbero inserire dei punti per consumare snack, fast food anche di notte per chi effettua lavori notturni o per giovani in festa. Un altro punto potrebbe essere la presenza dei mezzi di trasporto anche durante la notte per favorire gli adulti e i giovani che non sono in possesso della patente e per diminuire gli affluenti incidenti stradali causati dal troppo consumo di alcol. Un altro fattore per cui non siamo a favore è la tratta del treno Trento-Malé-Mezzana che potrebbe arrivare anche più in su per comodità. Ancora, la Val di Sole potrebbe pensare ad un'offerta commerciale specifica per il target giovanile, in cui fare acquisti, mangiare qualcosa, tutto in un unico luogo, senza dover girare troppo.

Inoltre, per incentivare il riciclo si possono inserire alcuni punti dove sono presenti dei raccoglitori di rifiuto per la raccolta di plastica e vetro. Questo sistema è già adottato in Germania e di chiama Pfand, dove una volta inserite le bottiglie si ha lo scontrino con l'ammontare dei soldi che si porta al supermercato (non per forza in quello in cui è stato effettuato l'acquisto) e si può scegliere se farsi scalare lo scontrino dalla prossima spesa o di farsi dare direttamente i soldi alla cassa.

Noi vogliamo una valle dove ci sia rispetto per tutti. Talvolta i dipendenti di alcuni servizi sono maleducati, per questo si dovrebbero effettuare dei corsi per l'educazione del personale. In una valle così piena di attrazioni non è possibile che il personale non sia informato e non sia in grado di parlare nemmeno una parola di inglese per i turisti. Anche un semplice saluto fa la differenza. Dal cameriere che ti butta il piatto davanti, senza nessun tipo di accoglienza, fino alla mattina quando si sale sulla corriera e gli autisti non salutano neanche; e quando si chiede una semplice informazione non si ha una mezza risposta. Naturalmente, questo vale anche per noi, il rispetto deve essere reciproco.

Nel settore alberghiero e della ristorazione c’è chi si approfitta dei giovani e degli stranieri, facendoli lavorare più del dovuto e sottopagandoli. I giovani dovrebbero essere aiutati a trovare lavoro dato che l'Italia è il paese che ha più giovani disoccupati, mantenuti dai genitori. La scusa è sempre quella: "I giovani non hanno voglia di lavorare", ma spesso non ci viene data la possibilità di lavorare come si deve e di essere pagati come dei lavoratori a tutti gli effetti. I giovani non sono tutti uguali.

Si potrebbero aprire anche dei negozi multiculturali, dove si possono provare prelibatezze e bevande di altri paesi: se si ha voglia di mangiare qualcosa di diverso la tappa più vicina a noi è Trento. La scuola guida potrebbe effettuare l'esame di teoria e le guide anche a Malé, senza dover essere costretti ad andare a Mezzolombardo o addirittura a Trento.

Insomma, tante cose ci sono e funzionano bene, su altre c’è ancora da fare per migliorare.



Riproduzione riservata ©

indietro