Skin ADV

Aido: una firma che può salvare tante vite

lun 16 mag 2022 09:05 • Dalla redazione

L’associazione conta un gruppo in Val di Sole e uno in Val di Non

ROVERETO. Basta una firma per salvare una o più vite umane. Un gesto di amore, di generosità e di grande civiltà che non ha eguali, capace di consentire, in un momento doloroso come la perdita di un familiare, ad altre persone di continuare a vivere. "Il Trentino in questo settore si è dimostrato molto generoso tanto da vantare numeri record a livello nazionale nella decisione di donare gli organi. Ma possiamo fare ancora molto di più portando avanti questo messaggio fondamentale e non lascare questa scelta ai familiari" ha affermato l'assessore provinciale alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana partecipando a Rovereto all'incontro promosso dall'Aido (Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule) Gruppo Vallagarina sorto nel 2002.

valli del noce

L'Aido, nata nel 1973, ha l'obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza della scelta di adesione alla donazione e del prelievo degli organi, scelta che può essere effettuata nel proprio Comune di residenza in occasione del rinnovo della carta d'identità, compilando il modulo di adesione reperibile nelle varie sedi di Aido o sul sito www.aido.it oppure negli uffici dell'Azienda sanitaria e agli sportelli di dichiarazioni di volontà istituiti, i primi in Italia, negli ospedali di Trento e di Rovereto. "I dati diffusi dal Centro nazionale trapianti - ha spiegato l'assessore Segnana - mettono il Trentino al secondo posto a livello nazionale per le dichiarazioni di volontà alla donazione di organi e tessuti registrate nel 2021, all'atto delle emissioni della carta d'identità. Nel 2020 sono stati effettuati in Trentino 5 trapianti fegato, 28 trapianti di rene di cui 7 da vivente, 3 trapianti di cuore per un totale di 36 trapianti.

Nelle valli di Non e Sole sono attivi altrettanti gruppi: quello solandro è stato fondato nel 1975.



Riproduzione riservata ©

indietro