Skin ADV

Riduzione degli infermieri nelle Rsa, il Patt protesta

dom 17 lug 2022 17:07 • By: Lorena Stablum

Ferma condanna anche da parte del sindacato Fp Cgil del Trentino

PELLIZZANO. Con un sit in davanti alla Casa di Riposo di Pellizzano il Partito Autonomista trentino Tirolese protesta contro la scelta dell'Assessorato alla Salute di ridurre di un terzo gli infermieri nelle Rsa. Lo fa da un luogo simbolo per la presenza appunto della struttura per anziani ma anche perché qui, da quasi due anni, la comunità dell’alta Val di Sole aspetta la riapertura del punto prelievi chiuso a causa del Covid. È la consigliera provinciale Paola Demagri a spiegare le motivazioni che portano alla contrarietà sulla decisione di passare da 10 ospiti seguiti da un infermiere a 15 ospiti con un infermiere.

Living Immobiliare

«Ridurre il numero di infermieri per ospite – commenta infatti la consigliera - significa dare meno garanzie di qualità assistenziale e di appropriatezza di tempo paziente perché è quel tempo paziente sostanzialmente che viene a mancare. Immagino che gli infermieri faranno i salti mortali per dare le tutte le garanzie possibili di qualità, efficacia ed efficienza ma il tempo infermiere verrà assolutamente a mancare con anche difficoltà che si manifesteranno all'interno dell'equipe perché gli stessi Oss avranno meno riferimenti con i quali confrontarsi per prendere le decisioni di tipo assistenziale».

Nei giorni scorsi, anche la Fp Cgil del Trentino aveva duramente condannato il merito e metodo di questa decisione. «La misura adottata dalla Provincia, con la riduzione di un terzo degli infermieri nelle case di riposo, è una totalmente sbagliata e altrettanto contraddittoria rispetto ai bisogni e alla qualità dell’assistenza agli utenti da un lato e di sostenibilità di carico di lavoro dei professionisti dall’altro. Per cui condanniamo il provvedimento in quanto tale» aveva commentato in una nota il segretario generale Luigi Diaspro. 



Riproduzione riservata ©

indietro