Skin ADV

Covid19: numeri in crescita, anche nelle valli del Noce. In Trentino le vittime salgono a 6

dom 15 mar 2020 20:03 • By: Alberto Mosca

Sono 39 i contagiati: a Vermiglio 15 casi. Nuovi positivi a Malé, Mezzana, Peio e Pellizzano.

Come preventivato, i casi di contagio al Covid19 aumentano nelle valli di Non e di Sole. Solo oggi abbiamo 11 casi in più in Val di Sole (da 17 a 28) e in totale 11 in Val di Non.

In particolare abbiamo nuovi casi, uno ciascuno, rispettivamente a Malé, Mezzana, Peio e Pellizzano.

La situazione pertanto è la seguente:

 

Val di Sole 28

Vermiglio 15 (di cui uno guarito)

Commezzadura 7

Dimaro Folgarida 1

Terzolas 1

Malé 1

Mezzana 1

Peio 1

Pellizzano 1

 

Val di Non 11

Cis 3

Predaia 3

Ville d’Anaunia 3

Sanzeno 1

Sfruz 1   

 

In generale, in Trentino i casi sono ora 378, 117 più di ieri.

Living Immobiliare

Ma è il numero dei deceduti ad essere salito sensibilmente, arrivato a 6 persone. L’età media è di 85 anni.

Dei contagiati, 269 sono curati a domicilio e 15 sono in terapia intensiva; 7 sono i guariti.

È importante sottolineare come ora l’Azienda sanitaria abbia iniziato a comprendere nel conteggio non solo chi ha fatto il tampone (e sono 254), ma anche quelle persone sintomatiche che vivono a stretto contatto con chi ha fatto il tampone ed è risultato positivo.

“Crediamo così – ha detto il presidente Maurizio Fugatti - di avere controllo migliore su una situazione che si aggrava”. Inoltre, in Trentino i posti di terapia intensiva sono ora 75, rispetto ai 33 predisposti in condizioni normali.

Infine, il presidente Fugatti è ritornato sulla questione dei residenti in altre regioni che vengono in Trentino nella seconda casa, infrangendo i divieti in atto: “Ci saranno controlli sulle strade, specialmente da venerdì”.

Per dare il senso dell’emergenza in corso, ha rinnovato l’invito a stare a casa e mantenere comportamenti responsabili”. Una gravità della situazione testimoniata dalla vicenda del comune bergamasco di Cene, 4300 abitanti, in cui in solo 12 giorni sono morte 70 persone; nel 2019, in tutto l’anno furono 120.



Riproduzione riservata ©

indietro