Skin ADV

Covid19: superata quota 1000 contagiati. Sono 1067 (+210 rispetto a ieri)

ven 20 mar 2020 • By: Alberto Mosca

Nelle valli del Noce sono ora 78. Chiusi i negozi di alimentari la domenica e festivi; chiusi anche parchi e giardini pubblici.

Il presidente Maurizio Fugatti

“I dati di oggi sono pesanti, sebbene attesi – ha esordito il presidente Maurizio Fugatti nel consueto aggiornamento quotidiano – la situazione si aggrava ancora, c’è bisogno di informazione e di responsabilità. Inoltre, si sta aggravando la situazione di Verona, territorio a noi molto vicino. Per questo ho firmato l’ordinanza che chiude nei giorni di domenica e festivi i centri di vendita di generi alimentari; inoltre la chiusura di parchi e giardini pubblici e aree verdi, vietando l’accesso”.

I numeri di oggi segnano un decesso in più, ora a 13. I contagiati hanno sfondato quota mille: sono 1067, 210 in più rispetto a ieri; 119 con tampone.

I “tamponati” sono 639, i loro contatti con sintomi 428. Si tratta di una categoria di persone che è considerata positiva anche in assenza di tampone. Oggi i posti letto occupati sono 217, su 430 disponibili grazie al continuo lavoro di riorganizzazione condotto dall’Azienda Sanitaria Provinciale.

Oggi sono 34 i contagiati ricoverati in reparti di rianimazione, su 75 posti disponibili.

La mappa dei contagi in Trentino – ha spiegato il dottor Antonio Ferro – raggruppata per 11 aree, mostra un tasso di prevalenza su 100.000 abitanti in provincia di Trento, aggiornato al 19 marzo: per la Val di Sole il valore è 269, in Val di Non 69; nelle Giudicarie è 361; il più alto è in Val di Fassa, con 696!

Speriamo alla fine della settimana – ha detto Ferro – di avere il culmine della curva, ma è essenziale che chi abita nei territori con l’endemia più alta stia a casa, non abbia contatti. Se la settimana prossima spero di avere numeri migliori – ha concluso Ferro – il carico sanitario nei prossimi giorni e settimane sarà molto pesante”.

Per quanto riguarda i numeri, comunicati dall’assessore Stefania Segnana, i curati a domicilio sono 793, compresi quelli in Rsa, 198 nel reparto malattie infettive del S.Chiara, 34 in terapia intensiva, a Rovereto e a Trento; sono 13 i deceduti e 29 i guariti.

Per quanto riguarda la Val di Sole (48) si aggiungono 1 caso in più a Vermiglio e uno in più a Terzolas; in Val di Non (30) ci sono nuovi singoli casi a Livo e a Rumo; uno in più a Ton.

 

Val di Sole 48

Vermiglio 23

Commezzadura 7

Mezzana 4

Malé 3

Terzolas 3

Pellizzano 2

Peio 2

Croviana 2

Dimaro Folgarida 1

Ossana 1

 

Val di Non 30

Predaia 6

Ville d’Anaunia 5

Cles 4

Cis 3

Sanzeno 3

Sfruz 2

Campodenno 2

Ton 2

Cavareno 1

Livo 1

Rumo 1

Infine, da oggi pomeriggio sono stati intensificati i controlli, comunque già in essere, da parte di polizia e carabinieri presso le uscite dei caselli autostradali presenti in Trentino.

La mappa dei tassi di prevalenza del contagio in Trentino

A confermarlo al presidente della Provincia, Maurizio Fugatti è stato stamani - a margine della riunione di Giunta - il Commissario del Governo, Sandro Lombardi nel corso di un aggiornamento telefonico con il governatore trentino. L'obiettivo è quello aumentare le azioni di contrasto alla diffusione del Coronavirus anche mediante sanzioni a carico di eventuali villeggianti che venissero in Trentino per soggiornare in una seconda casa.

 


Furbetti della trasferta in Trentino per vacanza: più controlli sulle strade

Riproduzione riservata ©

indietro