Skin ADV

Mondiali di Skialp, la Val di Sole protagonista

dom 07 mar 2021 09:03 • Dalla redazione

Riscatto di Davide Magini che agguanta il bronzo. Lisa Moreschini di nuovo sul podio

VAL DI SOLE. Ai campionati mondiali di skialp di La Massana, ad Andorra, la Val di Sole non manca di far sentire la sua voce. Lo fa con la sempre strepitosa Lisa Moreschini, che dopo il bronzo porta a casa un ottimo argento, e con Davide Magini, che nell’ultima gara in programma, l’individuale, si riscatta dopo il bronzo sfuggito negli ultimi metri nella vertical race e ottiene il terzo posto nella gara assoluta, la più attesa. Sul traguardo lo precedono gli altri azzurri Matteo Eydallin e Robert Antonioli.

“Finalmente una medaglia di bronzo” scrive il campione di Vermiglio in un messaggio postato su Facebbok a commento della gara regina. “La determinazione e la forma per giocarsi qualcosa di importante c’erano, ma su un percorso poco tecnico e così corto ciò che conta davvero è non sbagliare nulla – scrive Magnini -. I cambi si sa... non sono mai stati il mio forte e con le pelli non perfette, ieri ho perso molti secondi nei cambi e così anche la testa della gara. Alla fine sono riuscito a ‘strappare’ un bronzo a Remi Bonnet (che anche ieri ha dimostrato di essere davvero fortissimo in salita!) che nonostante sia arrivato terzo al traguardo, ha subito una penalità di 1 minuto proprio a causa di un errore in un cambio. Mi sono quindi aggiudicato questo bronzo mondiale che mi riscatta un po’ di quello sfuggito nella Vertical! Anche ieri è stata un’importante lezione che spero mi aiuti a fare bene nelle prossime”.

D’argento è anche Lisa Moreschini, portacolori del Monte Giner, nella competizione individuale della categoria under 20. La campionessa della Val di Pejo aveva già conquistato il bronzo nella gara che ha visto trionfare la svizzera Caroline Ulrich sulla valtellinese Samantha Bertolina.

Il bilancio conclusivo della rassegna iridata va in archivio così per l’Italia con ben 26 medaglie suddivise fra le quattro categorie, che conferma il movimento italiano fra i più importanti del panorama internazionale. Nell’ultima giornata invece le medaglie azzurre sono state 11. 



Riproduzione riservata ©

indietro