Skin ADV

Tonale e il sogno della circonvallazione (8)

mar 06 apr 2021 10:04 • By: Lorena Stablum

A poco più di sei mesi dalle elezioni comunali, NOS Magazine intraprende un viaggio tra i comuni delle valli del Noce, ascoltando le voci dell’amministrazione e, dove presente, della minoranza. Stavolta andiamo a Vermiglio

Il sindaco Michele Bertolini e una veduta di Passo Tonale

VERMIGLIO. Un percorso che porterà il Tonale e Vermiglio a diventare sempre più un territorio vocato al turismo sostenibile. È questo l’obiettivo degli interventi che l’amministrazione di Vermiglio intende promuovere nei prossimi anni, partendo dalla circonvallazione del Tonale alla realizzazione di un percorso ad anello in quota che metta in rete i siti d’interesse della zona. Ne parliamo con il neo sindaco Michele Bertolini.

A sei mesi dalle elezioni, qual è il punto della situazione?

L’inizio è stato abbastanza anomalo. Evidentemente la pandemia ha condizionato e condiziona tutti i rapporti tra consiglieri, tra l’amministrazione e la comunità. I processi amministrativi sono più difficoltosi. Manca l’esperienza della condivisione soprattutto per quei consiglieri che sono nuovi. La nostra amministrazione ha iniziato il suo mandato in un periodo difficile per la pandemia in atto e per le emergenze climatiche che abbiamo dovuto affrontare: sul bilancio abbiamo oltre 2 milioni di euro legati a somme urgenze. Durante la primavera dovremo occuparci di problemi idrogeologici e della manutenzione del territorio per rispristinare luoghi danneggiati a seguito delle abbondanti nevicate. 

In questi sei mesi qual è il primo risultato che è stato raggiunto?

Sicuramente è l’appalto dei lavori per la realizzazione del parcheggio di Fraviano: saranno realizzati 24 box auto per privati, che sono stati venduti tutti, e 30 parcheggi pubblici.

Living Immobiliare

È un’opera importante per tutto il paese e per la sistemazione del centro della frazione e che va a concludere un intervento iniziato con l’intervento sul cimitero. Ripartiranno a breve anche i lavori di realizzazione del Family Park al Passo del Tonale.

Quali saranno, invece, i prossimi obiettivi e gli interventi prioritari?

Abbiamo un progetto ambizioso sul tema del turismo sostenibile. Vogliamo realizzare un percorso ad anello che si sviluppa in quota e che metta in rete i luoghi e i siti del territorio da Vermiglio al Tonale, collegando le malghe, i rifugi, l’ospizio di San Bartolomeo, il Sentiero dei fiori e tutte le potenzialità rimaste finora inespresse. In alcuni casi dovremo ristrutturare malghe e bivacchi e creare servizi per il turista che ora non ci sono. Per questo siamo partiti con la progettazione del recupero di Malga Pecè dove ricaveremo un ristorante con l’annessa stalla per il bestiame. Il sogno però rimane quello di riuscire a trovare un accordo per la creazione della circonvallazione del Passo del Tonale. In due parole, se mi immagino la località tra 10 anni e per come sono le tendenze di oggi del settore turistico, vedo il Tonale come una stazione che non è più legata esclusivamente al prodotto neve, ma che sa offrire tante piccole esperienze differenti. Per fare questo servono spazi che al Tonale non ci sono se non spostando la strada che oggi passa in mezzo all’abitato. Si tratta di un intervento necessario se vogliamo migliorare la qualità della vacanza dei nostri ospiti.

Sindaco, come sta affrontando la pandemia la comunità di Vermiglio e del Tonale?

Sono molto preoccupato e per questo la nostra amministrazione è molto attenta a quelli che saranno i ristori sia per gli imprenditori, che per i dipendenti stagionali e per tutti quelli che lavorano nella filiera turistica. Dobbiamo però guardare anche ad altri fattori, come quelli sociali: oltre che sul lavoro, la pandemia sta incidendo moltissimo sulla socialità e sui momenti di svago e condivisione. Le persone che incontro si mostrano preoccupati per il futuro. Spero che, viste le buone notizie che vengono dall’Inghilterra, anche noi presto potremo tornare alla normalità: abbiamo bisogno di tronare a lavorare e a incontrarci. Dovremo lavorare molto sugli aspetti sociali. 



Riproduzione riservata ©

indietro