Skin ADV

Ponte di Portolo, ripristinare la sicurezza per garantire la viabilità tutto l’anno

gio 24 feb 2022 08:02 • Dalla redazione

Lo chiede con un’interrogazione il consigliere provinciale Filippo Degasperi

PORTOLO. “Non si ritiene opportuno valutare un finanziamento per la messa in sicurezza della strada che collega i comuni di Predaia e Ville d’Anaunia attraverso il ponte di Portolo affinché possa essere utilizzato tutto l’anno? Si intende introdurre delle limitazioni al transito che consentano solo ai mezzi leggeri, ai mezzi agricoli e ai mezzi di soccorso di percorrere il tratto di strada interessato?” Sono i due quesiti oggetto dell’interrogazione depositata il 18 febbraio scorso dal consigliere provinciale di Onda Civica Trentino Filippo Degasperi a proposito del collegamento viario tra i comuni di Predaia e Ville d’Anaunia attraverso il ponte di Portolo sul torrente Noce.

Living Immobiliare

“Una scorciatoia – scrive il consigliere - che fa risparmiare 11 km di strada tra gli abitati di Nanno e Portolo e Taio e Segno” e che viene chiusa al transito nel periodo invernale perché non considerato sicura. “Questo va a gravare però sul traffico lungo la statale di Santa Giustina – aggiunge quindi Degasperi -, che diventa l’unico collegamento tra i Comuni, creando non pochi disagi per chi deve percorrere quel tratto di strada e per le frazioni di Campo e Tassullo”. Il ponte, inaugurato nel 2009, per il quale sono stati investiti 1,2 milioni di euro, era diventato infatti un collegamento di primaria importanza soprattutto per gli agricoltori che potevano percorrerlo senza andare a creare code e disagi lungo la statale. “La sua riapertura e messa in sicurezza – conclude quindi il consigliere - costituirebbero non solo una scorciatoia utile per gli abitanti di Portolo e Nanno, ma anche un’alternativa per i mezzi di soccorso, nel caso in cui la strada di Santa Giustina fosse bloccata dal traffico”. Per Degasperi, infine, “potrebbe fare da comodo anello di collegamento per eventuali future piste ciclabili dalla destra alla sinistra del Noce”.



Riproduzione riservata ©

indietro