Skin ADV

Sulle strade del Giro

mar 20 ott 2020 • By: Giancarlo Ballauco e Alberto Mosca

NOS sui pedali, fino a Passo Castrin/Hofmahdjoch

Verso Livo, panorama autunnale sul lago di Santa Giustina e il ponte del Castelaz

Il Giro d’Italia arriva in Trentino: mercoledì a Madonna di Campiglio, giovedì con la 18° tappa che porterà la corsa rosa da Pinzolo ai Laghi di Cancano/Parco Nazionale dello Stelvio, per 207 km. La 18° frazione vedrà i corridori scollinare Passo Campo Carlo Magno, scendere verso Mostizzolo e quindi entrare in Val di Rumo per affrontare una salita inedita, il Passo Castrin: il tradizionale tappone alpino con quattro salite per oltre 5400 m di dislivello. La tappa scalerà l’inedita salita di Passo Castrin/Hofmahdjoch, a quota 1704 metri: noi di NOS l’abbiamo provata e vi raccontiamo come è andata. Siamo partiti dalla redazione di Cles: passaggio a Mostizzolo, discesa al ponte sul Barnes (Toflin) e risalita fino al bivio per Livo (SP6): da qui fino a Preghena, dove si tiene la destra verso Rumo. La pedalata si svolge in mezzo ai meleti e il meraviglioso panorama sul lago di Santa Giustina, comodo da ammirare complice la salita non troppo impegnativa, fino a che si arriva finalmente a Marcena, con la splendida chiesa della Conversione di San Paolo. Si prosegue fino a Mione e quindi alla località Frari/Schmieden: da qui inizia (SP71 e poi dopo il bivio per Lauregno e la Forcella di Brez SP86), potremmo dire, la salita vera, costante, 8,8 km con una pendenza media del 9,1% e tratti fino a un massimo all’11,2%. Anche il paesaggio, che da Rumo in avanti è ormai decisamente montano, impreziosito dai colori autunnali, si arricchisce dei masi sparsi del Deutschnonsberg. La strada è asfaltata perfettamente. E finalmente dopo un paio d’ore siamo in cima al passo, posto tra due gallerie, sulle pendici del monte Luco/Laugenspitze: la quota è di 1704 metri, la temperatura di 8°C.

Tra Preghena e Rumo, la vista sulla Val di Non

Da qui non scolliniamo verso la Val d’Ultimo/Ultental e dopo le foto di rito, girata la bici ci avviamo a rientrare a Cles. 


Marcena di Rumo, con la chiesa di san Paolo e il campo sportivo
Passo Castrin, stiamo arrivando!

Riproduzione riservata ©

indietro