Skin ADV

Vespe samurai rilasciate in Val di Non contro la cimice asiatica

gio 08 lug 2021 15:07 • Dalla redazione

Lanci immediati dopo l’arrivo dell’autorizzazione ministeriale

VAL DI NON. Saranno rilasciate anche in Val di Non le vespe samurai. Per il secondo anno, il Trentino è stato autorizzato a rilasciare sul territorio provinciale Trissolcus japonicus, la specie antagonista della cimice asiatica. Alla Fondazione Mach era tutto pronto da settimane e appena arrivato il via libera ufficiale sono partiti immediatamente i primi rilasci in 44 siti trentini: oltre che in Val di Non, anche nell’Alto Garda, in Valle di Loppio, Valle dei Laghi, Vallagarina, Trento, Piana Rotaliana, Valsugana e Val di Cembra. In ogni sito vengono rilasciate cento femmine per ogni sito (con la presenza di almeno un ulteriore 10% di maschi) per tre volte a distanza di 20 giorni l’una dall’altra. Un’operazione preparata nel dettaglio dal gruppo di lavoro della Fondazione Edmund Mach, da anni in prima linea per affrontare questa emergenza.

Living Immobiliare

Per raggiungere una situazione di equilibrio ci vorrà qualche anno ma già nel 2020, primo anno di rilasci, i risultati sono stati oltre le aspettative, con un insediamento delle vespe samurai nel 30% dei siti trentini.

L’attività di rilascio, che durerà un paio di mesi, si inserisce nell’ambito dello specifico progetto per la lotta biologica SWAT, finanziato dalla Provincia autonoma di Trento, e all'interno del programma nazionale di lotta biologica coordinato dal CREA - Difesa Certificazione.

La vespina, che si riproduce a spese del suo ospite deponendo le proprie uova all'interno delle uova della cimice asiatica, è assolutamente innocua per l'uomo e per gli altri organismi. Per allevare la vespina è stato necessario raccogliere migliaia di esemplari di cimice asiatica e grazie alla collaborazione della cittadinanza anche quest'anno il piano di raccolta sta portando centinaia di esemplari negli allevamenti FEM.

Proprio in questi giorni è uscito un approfondimento monografico edito dalla FEM e realizzato sempre nell’ambito del progetto SWAT, dal titolo “Cimici. Guida al riconoscimento delle specie di interesse agrario nel Nord Italia”. Si tratta di uno strumento utile al riconoscimento di alcune specie di cimici e rivolto ad agricoltori, tecnici, studenti e naturalisti (https://www.fmach.it/Servizi-Generali/Editoria).

Dallo scorso anno è attivo anche un sito dedicato che fornisce informazioni precise e aggiornate sugli sviluppi della lotta biologica in provincia di Trento nei confronti della cimice asiatica e di altre specie aliene invasive (https://lottabiologica.fmach.it).

 



Riproduzione riservata ©

indietro