Skin ADV

Tovel, area umida di importanza internazionale

mer 02 feb 2022 10:02 • Dalla redazione

Il 2 febbraio si celebra la Giornata mondiale delle Zone Umide

TRENTO. Dal 1971, ogni 2 febbraio si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale delle Zone Umide (World Wetlands Day). In quell’anno venne firmata a Ramsar, in Iran, una convenzione dedicata a lagune, stagni, laghi, paludi, risorgive. Aree umide, ovvero aree chiave per la biodiversità.

L’edizione 2022 della Giornata è caratterizzata dallo slogan “Value, Manage, Restore, Love Wetlands”: riconoscere il loro valore, proteggerle e gestirle adeguatamente, ripristinarle laddove distrutte, imparare ad amarle per la loro bellezza e la loro importanza, a partire dalla loro incredibile biodiversità. Le wetlands sono fondamentali anche per la nostra sopravvivenza grazie al loro ruolo di serbatoi di carbonio e contrasto al cambiamento climatico, azione di depurazione delle acque, protezione da inondazioni, fornitura di fibre e materiali, oltre ad ospitare migliaia di specie ad esse legate.

valli del noce

E in Trentino? Una sola è l’area umida riconosciuta a livello internazionale ed è il lago di Tovel. Sono 50 i siti in Italia riconosciuti e inseriti nell'elenco d'importanza internazionale stilato ai sensi della Convenzione di Ramsar.

Tra gli scopi della convenzione vi sono quelli di designare le zone umide di importanza internazionale del proprio territorio da inserire in un elenco che potrà essere ampliato o ridotto; elaborare e mettere in pratica programmi che favoriscano l'utilizzo razionale delle zone umide in ciascun territorio delle Parti; creare delle riserve naturali nelle zone umide, indipendentemente, dal fatto che queste siano o meno inserite nell'elenco; incoraggiare le ricerche, gli scambi di dati e pubblicazioni relativi alle zone umide, alla loro flora e fauna; aumentare, con una gestione idonea ed appropriata il numero degli uccelli acquatici, invertebrati, pesci ed altre specie nonché della flora; promuovere delle conferenze; valutare l'influenza delle attività antropiche nelle zone attigue alla zona umida, consentendo le attività eco-compatibili.


Riproduzione riservata ©

indietro