Skin ADV

Solidarietà: le Pro Loco in campo per l'Ucraina

dom 20 mar 2022 09:03 • Dalla redazione

Protagoniste anche molte Pro Loco delle valli di Non e Sole

VALLI DEL NOCE. Sono oltre 40 le Pro Loco che nelle scorse settimane hanno avviato, da sole o al fianco di associazioni e istituzioni locali, raccolte fondi e viveri per l'emergenza in Ucraina. Un impegno spontaneo e diffuso, che ha permesso di attivare migliaia di cittadini. Tra esse alcune delle valli di Non e Sole: Coredo, Castel Belasi di Campodenno, Cavareno, Cis, Cles, Denno, Malè, Revò, Ronzone, Ruffrè Mendola, Rumo, Sfruz, Taio.

In particolare, a Malé i volontari hanno organizzato un pranzo solidale in piazza (10 aprile) i cui proventi verranno devoluti per l'emergenza.

Living Immobiliare

 

In queste settimane le Pro Loco sono diventate punto di riferimento per numerose azioni di sostegno alla popolazione ucraina nate spontaneamente in ogni angolo del Trentino. La diffusione capillare delle Pro Loco - 194 associazioni, con oltre 20.000 volontari attivi - ha permesso anche alle comunità più periferiche di contribuire alla potente macchina di solidarietà messa in moto insieme a Comuni, Vigili del Fuoco, Protezione Civile e altre associazioni. 

Interessante notare come, in questa gara di solidarietà, le Pro Loco si siano mosse in modo coordinato, seguendo le direttive della Federazione trentina Pro Loco che ha aderito alle modalità di sostegno promosse dalla Provincia Autonoma di Trento. "Su indicazione dell'assessore Roberto Failoni, la Federazione ha promosso tra le Pro Loco i canali di raccolta viveri e di donazione sostenuti dalla Provincia (fondo dedicato e associazione RASOM) - spiega la Presidente della Federazione trentina Pro Loco, Monica Viola, " Questo ci ha permesso di lavorare in modo coordinato e ai cittadini di donare in modo sicuro." 




Riproduzione riservata ©

indietro