Skin ADV

Quarantena attiva: Coldiretti soddisfatta

gio 13 ago 2020 • Dalla redazione

Il presidente Barbacovi: "Tutelare la salute pubblica e garantire la raccolta in sicurezza"

Gianluca Barbacovi

Coldiretti Trentino Alto Adige esprime grande soddisfazione per l'imminente attivazione da parte della Provincia autonoma di Trento di un piano straordinario per garantire la raccolta della frutta in sicurezza e in particolare per l'introduzione della "quarantena attiva".

"Coldiretti è sempre stata in prima linea nel chiedere l'attivazione di questo strumento -afferma Gianluca Barbacovi, presidente di Coldiretti Trentino Alto Adige- insieme alla possibilità da parte delle aziende agricole di effettuare tamponi entro 24 ore dall'arrivo del lavoratore o durante le visite prima dell'assunzione.

Non possiamo che esprimere soddisfazione per l'ordinanza in corso di emanazione da parte della Provincia ringraziando il presidente Maurizio Fugatti e l'assessore all'agricoltura Giulia Zanotelli per la disponibilità che ci hanno dimostrato e per questa particolare attenzione al mondo agricolo".

La quarantena attiva prevede che i lavoratori possano svolgere il proprio compito senza perdere 14 giorni di attività ma a condizione che siano ospitati in azienda e che lavorino separatamente dagli altri.

Questo strumento consentirà quindi ai lavoratori provenienti dalla Romania, oltre i 2/3 del totale, di essere operativi da subito nelle aziende agricole trentine.

"Come Coldiretti -aggiunge Barbacovi- ci interessa non compromettere la stagione di raccolta, ma contemporaneamente siamo consapevoli che è priorità tutelare la salute pubblica ed è per questo che non abbasseremo la guardia sulla comunicazione alle imprese affinché conoscano bene le regole regole sanitarie. Siamo certi che anche questa volta gli imprenditori agricoli sapranno dimostrare professionalità e responsabilità.

Sarà in ogni caso fondamentale il rispetto di tutte le normative che garantiscano sicurezza nei campi e sarà compito delle stesse aziende allestire luoghi controllati per gruppi di persone garantendo tutti gli strumenti e le azioni necessari a rispettare le norme sanitarie".

Parallelamente a questo strumento, Coldiretti torna sulla questione del voucher agricolo semplificato, la cui reintroduzione, ricorda Barbacovi, "permetterebbe a studenti, pensionati e cassaintegrati di essere impiegati in agricoltura con risvolti positivi sia in termini di flessibilità che di occupazione".



Riproduzione riservata ©

indietro