Skin ADV

ITAS Mutua dona 68.400 euro alle associazioni

lun 12 ott 2020 17:10 • Dalla redazione

In Val di Sole i compensi dei delegati vanno alla famiglia di Diego Canella e a Valdisole Solidale

I delegati dei soci assicurati di ITAS Mutua, che in giugno si sono riuniti per l’annuale assemblea generale, hanno deciso di devolvere il loro compenso ad alcune associazioni impegnate in iniziative benefiche. La Compagnia ha deciso di raddoppiare la cifra, donando quindi una cifra pari a quella raccolta dai delegati e arrivando a un valore complessivo di 68.400 euro.

L’iniziativa è partita da un’idea di Enrico Polato, dal 1991 delegato ITAS di Cortina d’Ampezzo (BL), e ha visto in breve l’adesione di un gran numero di altri delegati che hanno potuto indicare come beneficiaria un’associazione del territorio o fare riferimento a ITASolidale come suggerito dalla Compagnia.

Funivie Madonna di Campiglio

I fondi raccolti sono quindi assegnati a ITASolidale per un totale di 65.400 euro, mentre i delegati della Val di Sole hanno scelto di sostenere due realtà del territorio, aiutando Valdisole Solidale onlus, l’associazione che opera in Kenya a favore delle persone povere e dei bambini, e la famiglia Diego Canella, il giovane portiere del Redival rimasto gravemente ferito nel 2017 dopo uno scontro di gioco avvenuto sul campo di Mezzolombardo, attraverso l'iniziativa Aiutiamo Diego Canella sostenuta dalla Figc di Trento e dalla Lega Nazionale Dilettanti. Entrambe ricevono 1.500 euro ciascuna.

Fabrizio Lorenz, presidente ITAS, ha espresso la sua particolare soddisfazione: “Siamo molto orgogliosi della risposta data dai nostri delegati a questa iniziativa, ancora una volta possiamo testimoniare come impegnarsi per una Mutua sia molto più di quello che viene formalmente richiesto. I delegati rappresentano i nostri soci assicurati e costituiscono dei veri e propri ambasciatori di mutualità sul territorio, come diffusori attivi dei valori e delle sensibilità che caratterizzano la nostra attività di Mutua assicuratrice”.



Riproduzione riservata ©

indietro