Skin ADV

Una nuova area di pesca dedicata a Bardhosh Dajko

ven 05 feb 2021 18:02 • Dalla redazione

Da domenica riapre la stagione dei pescatori: tra i progetti dell’associazione c’è anche l’ampliamento dell’incubatorio

Riapre la pesca in Val di Sole. Da domenica infatti si potrà pescare in tutto il torrente Noce. Dopodiché a partire dal 7 marzo si potrà pescare negli altri corsi d’acqua e negli affluenti laterali e, a seguire, nella riserva di San Leonardo - zona Big Fish nel torrente Vermigliana, nel lago dei Caprioli dal 1° maggio e nei restanti laghi di montagna dal 2 giugno.

Da quest’anno poi la stagione di pesca riserverà grandi novità, come spiega il presidente dell’associazione sportiva Pescatori solandri Fabio Arnoldi. La più importante riguarda la possibilità di pescare nel lago delle Malghette, zona un tempo dove la pesca era totalmente preclusa e, negli ultimi anni, limitata in una piccola parte del bacino lacustre ma solo con esche artificiali. «L’ordinanza che vietava la pesca risale al 1988 – commenta il presidente -. Il lavoro di sinergia tra il sindaco di Pinzolo Michele Cereghini e la nostra associazione e il supporto dell’ente parco e del Servizio Faunistico della Provincia hanno fatto in modo che venisse emesso un provvedimento sindacale che di fatto consente la pesca da riva con esche artificiali e naturali escluse quelle contenenti sostanze chimiche di qualsivoglia natura».

Nel 2021, nonostante la pandemia, inoltre l’associazione ha identificato sei zone di pronto pesca per limitare la pressione di pesca in quelle zone in cui è presente pesce selvatico di pregio.

Living Immobiliare

In queste aree infatti è consentita l’emissione di trote fario adulte e risulta meno difficoltoso catturare del pesce già di misura trattenibile. Una zona di pesca a spinnign, la pesca che si pratica con canne di piccole dimensioni ed esche artificiali, è stata creata nel torrente Vermigliana. «Proprio in quest’area ha perso la vita il nostro amico e socio Bardhosh Dajko – aggiunge Arnoldi –. Per questo abbiamo scelto di identificarla con le lettere DB che sono le iniziali del suo nome. Per venire incontro alle esigenze di alcuni soci sono stati creati dei permessi stagionali ad hoc: uno riservato alla pesca per il laghetto Magic Lake di Commezzadura, uno stagionale no kill per chi pratica la pesca con il rilascio di tutto il pescato e uno stagionale a prezzo ridotto del 50% dedicato ai minori di anni 18 per incentivare la pratica della pesca tra le giovani generazioni. Quest’anno tutte le tipologie di permessi stagionali sono stati comunque ridotti di 10 euro. Un piccolo segnale per le nostre famiglie – afferma ancora il presidente – in un momento difficile per tutti». (Qui l'articolo)

Per quanto riguarda la gestione dell’acque, l’associazione della Val di Sole quest’anno ha prodotto oltre 1.500.000 uova di trote, delle quali 250.000 sono state messe a dimora proprio in questi giorni nei corsi d’acqua principali e nei vari rivi vivaio. «Abbiamo poi in corso l’approvazione da parte della Provincia di un progetto ambizioso di ampliamento dell’incubatoio di Cavizzana – continua Arnoldi -. Questo ci permetterà di rendere più funzionale una struttura che i nostri predecessori hanno creato e di aumentare la produzione di pesci da immettere nelle nostre acque sempre più martoriate da eventi calamitosi estremi e dai continui attacchi da parte di uccelli ittiofagi che hanno decimato la fauna ittica. Crediamo di poter iniziare i lavori già in aprile. Siamo anche in attesa della definitiva approvazione del regolamento del piano del Parco nazionale dello Stelvio che consentirà l’esercizio della pesca in alcune acque correnti, rigorosamente con la tecnica del no kill».

Insomma tanti progetti per un’associazione che nonostante la chiusura forzata della pesca, durante la scorsa stagione, dovuta al lockdown, segna una decisa crescita dei soci (oggi sono 464 con un incremento in due anni di ben 121 unità) e dei permessi temporanei rilasciati a ospiti provenienti da fuori regione. «Segno che cresce tra i turisti l’interesse per la pesca nelle nostre acque» conclude Arnoldi.



Riproduzione riservata ©

indietro