Skin ADV

Il presepio, simbolo del Natale

sab 25 dic 2021 09:12 • By: Alberto Mosca

Nel giorno di Natale, una rassegna di immagini dalla storia e dall'arte nelle valli del Noce

La prima raffigurazione della Natività si trova a Roma, nelle catacombe di Priscilla sulla via Salaria e risale al III secolo. Il primo presepio scultoreo fu quello di Arnolfo di Cambio, realizzato nel 1291 e conservato nella basilica di Santa Maria Maggiore, ancora a Roma. A Giotto, nella cappella degli Scrovegni, dobbiamo la prima Natività dipinta secondo canoni più realistici, sebbene ancora debitrice dei canoni bizantini.

Ma per noi il primo presepio è quello che venne realizzato da San Francesco d’Assisi a Greccio nel 1223, di ritorno dalla Terrasanta. La tradizione del presepio si diffuse capillarmente a partire dal XVI e dal XVII, secondo l’indirizzo dato dal Concilio di Trento, grazie alla capacità del presepio di trasmettere la fede in modo semplice e popolare.

Living Immobiliare

Si apriva così la porta alla grande tradizione italiana dei grandi presepi, con in testa Napoli, Genova, Bologna.

Nelle valli di Non e Sole, la più antica rappresentazione della Natività è probabilmente quella esistente nella chiesa dei santi Pietro e Paolo di Maiano, opera del Maestro di Sommacampagna (1380 circa); in Val di Sole, forse la prima Natività è quella che appare su una formella di stufa a olle della metà del Quattrocento presente nel palazzo de Federicis in Castel San Michele a Ossana.

Infine, una nota sul nome “presepio”, parola che indica la mangiatoia, la greppia. Essa viene dal latino “praesepe/praesepium”, con riferimento al recinto, alla stalla, appunto alla greppia. Una parola che troviamo nelle parole preséu/preséo (Tuenno), prezéo (Rumo), preséf (Peio), prevés (Strombiano), predéf (Caldes), parzéf (Vermiglio), sparzéf (Rabbi, Bresimo), sparzéo (Livo), con un chiaro riferimento alla mangiatoia che accolse come una culla Gesù Bambino.

La stessa voce si trova nel rendenese “parzif”, nel friulano “trisef”, nello spagnolo “presebe” e nel portoghese “preseve”.



Riproduzione riservata ©

indietro