Skin ADV

Oggi è la festa nazionale del gatto

gio 17 feb 2022 12:02 • Dalla redazione

Si celebra un soddisfacente rapporto nato per utilità

Il micio Rufus si gode una meritata pennichella

CLES. “Che misteriosa ricetta conoscono i gatti per saper dosare in modo così perfetto dolcezza e crudeltà, timidezza e aggressività, docilità e spirito selvaggio?” (Mary S. Emilson)

Si celebra oggi la Giornata nazionale del gatto. Un rapporto quello tra l’elegante felino domestico e l’uomo che, secondo gli studiosi, ha origine tra Medio Oriente ed Egitto ben 10.000 anni fa per un reciproco scambio. È nella zona della Mezzaluna fertile, infatti, che si ebbero le prime forme di addomesticamento dei gatti da parte dell’uomo che li usavano per catturare i topi che infestavano i granai. I gatti così trovavano cibo senza troppa fatica. Questa amicizia si consolidò nel tempo, durante il quale il gatto è cambiato pochissimo dal punto di vista genetico. 

Ma perché si è scelto proprio il giorno del 17 febbraio per celebrare i nostri amici mici? La ricorrenza, secondo Wikipedia, nasce nel 1990 quando la giornalista gattofila Claudia Angeletti propose un referendum tra i lettori della rivista "Tuttogatto" per stabilire il giorno da dedicare a questi animali.

Living Immobiliare

“La proposta vincitrice – dice ancora l’enciclopedia online - fu quella della signora Oriella Del Col che così motivò la sua idea nel proporre questa data che racchiude molteplici significati: febbraio è il mese del segno zodiacale dell' Acquario, ossia degli spiriti liberi e anticonformisti come quelli dei gatti che non amano sentirsi oppressi da troppe regole; tra i detti popolari febbraio veniva definito 'il mese dei gatti e delle streghe' collegando in tal modo gatti e magia; il numero 17, nella tradizione italiana, è sempre stato ritenuto un numero portatore di sventura, stessa fama che, in tempi passati, è stata riservata al gatto; la sinistra fama del 17 è determinata dall'anagramma del numero romano che da XVII si trasforma in “VIXI” ovvero “sono vissuto”, di conseguenza ‘sono morto’. Non così per il gatto che, per leggenda, può affermare di essere vissuto vantando la possibilità di altre vite. Il 17 diventa quindi “1 vita per 7 volte”. 

Anche nel mondo si festeggia il gatto: se in Polona hanno scelto il nostro sesso giorno, non così gli Stati Uniti, che lo festeggiano il 29 ottobre, per il Giappone, che lo celebra il 22 febbraio, e per la Russia che lo ricorda il 1° marzo. Nel 2002, infine, the International Fund for Animal Welfare fissò il World Cat Day nella giornata dell'8 agosto.

 

 



Riproduzione riservata ©

indietro